logo san paolo
sabato 15 dicembre 2018
 
 

Max Giusti: ve li racconto io, i Mondiali

12/06/2014  Su Rai Sport 1 e FamigliaCristiana.it un modo diverso e molto più divertente per seguire la Nazionale e le sue rivali: quello di Max Giusti

La scena è degna di un film con Fantozzi: “Era un pomeriggio torrido come quello di questi giorni. Riempii la mia vasca di acqua fredda, appoggiai il mio televisorino da 14 pollici sul bordo, mi immersi e così vidi l'Italia battere il Brasile per 3 a 2. Era il 1982, avevo 13 anni, ed è il più bel ricordo di una partita della Nazionale della mia vita”.
L'indimenticabile voce di quella partita era di Nando Martellini. Da stasera, invece sarà Max Giusti a commentare su Rai Sport 1 (e presto anche su un blog per famigliacristiana.it) le partite dei mondiali a “Maxinho do Brasil”, ovviamente a modo suo.
“Cercherò di cogliere il lato più divertente delle partite, ma sarò affiancato anche da un team di esperti come Vincenzo D'Amico e Marco Civoli. Faremo anche un viaggio musicale nei Paesi che giocano il torneo. In più, avremo anche Pamela Camassa, in rappresentanza delle donne italiane.
Tra le cose belle dei Mondiali, c'è anche il fatto che rappresentano in molte famiglie l'unica occasione in cui mogli,fidanzate, sorelle guardano le partite assieme ai maschi di casa. Pamela vestirà i panni della classica donna che, nel bel mezzo di un'azione importante, ti chiede: “Cosa vuoi per secondo?”.

- Chi è il tuo telecronista preferito?
“Nel mio cuore ho la voce di Nando Martellini. Ma tutti i telecronisti dell'Italia sono come dei totem. La prima volta che ho incontrato Marco Civoli non l'ho nemmeno guardato in faccia, tanto ero rapito dalla voce di chi aveva detto: “Il cielo è azzurro sopra Berlino”.

- Giochi bene a calcio?
“Da ragazzo ero un ottimo portiere. Però, dato che in questo ruolo non attiravo molto le ragazze, a un certo punto ho deciso di fare l'attaccante. Il risultato, però, non è cambiato. Forse perché non somiglio a Cristiano Ronaldo”.

- Cosa ti aspetti da questi Mondiali?
“I brasiliani sono disperati per la corruzione dilagante. E ancora devono finire lo stadio di Manaus dove sabato giocherà l'Italia. Insomma, ci sembrerà di stare a casa”.

-E dall'Italia?

“Bisogna essere scaramantici. Quindi dico che usciremo al primo turno, perdendo tutte le partite per 3 a 0. Ovviamente, tanti cari auguri a tutte le altre squadre”.

I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo