logo san paolo
martedì 12 dicembre 2017
 
E ora chi la adotterà?
 

Abbandonata bambina down di cinque mesi

04/12/2017  A Napoli, in una culla del progetto "Ninna ho" è stata deposta una bambina di cinque mesi. La versione moderna della ruota degli esposti riesce a salvare le vite dei neonati

Una culla termica davanti a un ospedale, una segnale acustico che annuncia che è stato deposto un neonato: è questo il progetto «Ninna ho» (www.ninnaho.org) della Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus e del Network KPMG in Italia, nato nel 2008 contro l'abbandono neonatale, che ha ricevuto il Patrocinio del Ministero della Salute e della Società Italiana di Neonatologia (SIN). Queste culle si trovano a Napoli, Milano, Firenze, Padova, Parma, Roma e Varese. E proprio a Napoli per la seconda volta in pochi mesi è stato abbandonato un neonato nella culla «Ninna ho», del Policlinico Federico II. Si tratta di una bambina di cinque mesi, affetta da sindrome di Down e proveniente probabilmente dell’Est Europa. Era bene curata  e vestita, con un pupazzetto accanto, e in buone condizioni di salute. Evidentemente i suoi genitori hanno avuto un ripensamento, e hanno deciso di rinunciare a lei. Per la bimba ora si dovrà trovare una famiglia adottiva.  L'obiettivo di «ninna ho» è quello di diffondere, a tutte le donne, il messaggio contenuto nella Normativa italiana (DPR 396/2000) che consente alle future mamme, italiane o straniere in grave difficoltà, di poter partorire in anonimato e sicurezza presso tutte le strutture ospedaliere pubbliche, e di rinunciare al bambino. E qualora il parto non sia avvenuto in ospedale, e la madre abbai troppo vergogna a mostrare il proprio volto, queste culle servono a scongiurare i drammatici casi di bambini abbandonati nei cassonetti e che non ce la fanno a sopravvivere. 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo