logo san paolo
venerdì 18 agosto 2017
 
Lettere al direttore
 

«Accoglienza: tutta questa bontà puzza di marcio»

25/05/2017  «...Senza voler fare di tutta l’erba un fascio e rendendo onore alla buona fede di quei pochi che operano in maniera disinteressata: di bontà in giro, nei piccoli e grandi gesti quotidiani, se ne vede ben poca». Don Antonio Rizzolo risponde al lettore

Caro padre, il suo settimanale si è guardato bene dal dare notizia dell’inchiesta che in Calabria ha messo in luce lo schifoso business dell’accoglienza ai migranti gestito dalla ’ndrangheta che ha portato all’arresto, tra gli altri, di un parroco al soldo del clan Arena. Ora, senza voler fare di tutta l’erba un fascio e rendendo onore alla buona fede di quei pochi che operano in maniera disinteressata, a me tutta questa ‘’bontà’’ puzza di marcio. Perché di bontà in giro, nei piccoli e grandi gesti quotidiani, se ne vede ben poca.

SALVATORE RUSSO

Caro Salvatore, i tempi di chiusura di un settimanale non permettono la tempestività di un quotidiano. La notizia si trova però, fin da subito, nel nostro sito. Scrivi poi che non bisogna fare di ogni erba un fascio, ma mi pare azzardata l’affermazione che siano pochi quelli che operano in buona fede. Il bene, in realtà, è molto più diffuso di quello che sembra. Certo, fatta salva la presunzione di innocenza dovuta a tutti gli imputati, bisogna vederci chiaro e prevedere controlli adeguati nelle strutture di accoglienza. Come scrive il nostro giornalista Francesco Anfossi, «il marcio deve essere rimosso in nome delle migliaia di volontari e professionisti che ogni giorno lavorano per tenere alta l’asticella dell’umanità degli italiani».

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo