logo san paolo
venerdì 17 agosto 2018
 
 

Africa e Asia, un olio di giustizia

12/02/2012  La cura dell'ulivo e dei suoi frutti è una chance di riscatto economico-sociale, oltre che un modo per presidiare l'ambiente, tutelandolo. Tre esempi in Etiopia, Pakistan e Afghanistan.

C'è un olio d'oliva che costruisce pace, sviluppo, equità. Il suo, è un sapore particolare. Accade in terre tribolate di due Continenti, l'Africa e l'Asia, alle prese con clamorse fughe in avanti e ampie sacche di arretratezza economico-sociale. L'Etiopia, ad esempio. E' una terra tutta da scoprire e chissà che l'olivicoltura non possa essere un'opportunità per lo sviluppo e la promozione delle pari opportunità. 


Un progetto pilota elaborato da una Ong olandese ha portato a piantare, in Etiopia, varietà italiane di olivo in una zona montuosa, a circa 3 mila metri di altitudine. Le piante hanno fruttificato, anche se purtroppo i frutti sono andati persi a causa di un'eruzione vulcanica. Al momento sono 7.200 gli olivi impiantati, tutti importati dall'Italia. Ma è in programma, per l'anno prossimo, l'impianto di altri 15 mila alberi. Viene impiegato per ora un “frantoio mobile”, che si sposta da un olivicoltore all'altro, venendo incontro alle esigenze di una popolazione che non può permettersi investimenti in macchinari costosi. Nell'intero progetto sono stati coinvolti circa 5 mila agricoltori. 

Gli uliveti in Etiopia contribuiscono sia a combattere l'erosione del territorio, che a generare reddito per i coltivatori e per le donne, vera spina dorsale dell'economia etiopica, che possono essere impiegate nella raccolta. Diventare, nel futuro, un paese produttore significherebbe, per l'Etiopia, raggiungere le produzioni minime per l'autoconsumo e aprire un nuovo segmento di mercato: i consumatori locali e le catene di alberghi e ristoranti per i turisti. 


Spremitura delle olive in Medio Oriente. Foto Reuters.
Spremitura delle olive in Medio Oriente. Foto Reuters.

Anche in Pakistan il Ministero dell'Agricoltura, che opera attraverso il Pakistan Oilseed Development Board, si è fatto carico di convertire olivi selvatici in varietà produttive.Questo approccio, che riguarda piccole realtà in aree remote del paese, punta a generare opportunità di lavoro ma anche al miglioramento dell'alimentazione della popolazione, mediante la produzione di un olio di elevato valore nutrizionale. Nel 2007 il Pakistan Oilseed Development Board ha avviato, insieme all'italiano Istituto Agronomico per l'Oltremare, un progetto che ha, tra le attività principali, quella di localizzare le aree vocate all'olivicoltura oltre che organizzare corsi di formazione, impiantare campi sperimentali e collezioni varietali per ottenere materiale certificato proveniente da oliveti selezionati per la riproduzione. L'interesse per la coltura dell'olivo riscuote consenso in Pakistan da parte dei piccoli produttori attratti dalla vendita del prodotto finale, apprezzato come prodotto da cucina, medicinale e cosmetico. 

L'Afghanistan, nella zona lungo il confine con il Pakistan, ha un clima mite, a tratti quasi mediterraneo. In particolare nella provincia di Nangarhar è presente l'olivo e fino a una ventina di anni fa si produceva l'olio, prima che gli anni bui della guerra civile portassero distruzione e abbandono anche in questo settore. L'olivicoltura, nata negli anni Cinquanta del secolo scorso, importando piante da Egitto, Turchia e Azerbaigian, è decollata nel 1979, ma la produzione si è ridotta praticamente a zero per via della guerra. Solo oggi l'olivicoltura sta riprendendo a dare i suoi frutti e l'olio extravergine a essere prodotto anche con il contributo della tecnologia italiana nel campo dell'estrazione.

Oggi la superficie a olivi in produzione si estende per 1.740 ettari, circa il 12% dell'area potenzialmente produttiva, ed è totalmente destinata alla trasformazione dei frutti in olio. Al momento in Afghanistan esiste un'unica fabbrica per l'estrazione dell'olio che si avvale di moderni macchinari italiani. Le aspettative per il futuro sono che il governo del paese o le organizzazioni internazionali sostengano progetti di sviluppo come quello della provincia di Nangarhar perché l'olivicoltura afghana riprenda a prosperare e possa costituire una concreta opportunità di crescita.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo