logo san paolo
domenica 22 luglio 2018
 
dossier
 

Andrea Riccardi: «Si poteva fare di più per salvare Aldo Moro»

09/05/2018  Restano i dubbi sulla linea della fermezza e su come non sia stato possibile liberarlo in 55 giorni

Sono passati quarant’anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, dopo 55 giorni di carcere delle Br, eppure si discute ancora di quella tragedia nazionale. Emergono pure particolari inediti su una storia senza fine. La vicenda della “prigionia” del presidente della Dc mise a nudo le fragilità e le rigidità della classe politica, della Chiesa e della società.

Tre mesi dopo la morte di Moro, scomparve un altro grande protagonista della ricostruzione (e “cofondatore” della Dc con De Gasperi), papa Paolo VI. Fu una figura drammatica e dolente, che tentò di salvare la vita del leader Dc, ma si scontrò con molti ostacoli, tra cui la decisione del Governo italiano di non negoziare con i terroristi. Dal carcere delle Br, Moro si rivolgeva a lui e dignitosamente chiedeva: «Quale altra voce, che non sia quella della Chiesa, può rompere le cristallizzazioni che si sono formate?». Si cristallizzò la volontà di non trattare. Andreotti se ne fece interprete, recependo la dura posizione del Pci, decisivo nell’appoggio al suo Governo. Ebbe la percezione che l’Italia non avrebbe tenuto di fronte a un negoziato. Molti la pensavano come lui in un clima di un certo unanimismo.

Lo storico Agostino Giovagnoli, nel saggio Il caso Moro. Una tragedia repubblicana, ricostruisce come la classe politica fosse invece più divisa di quanto si diceva e che le crepe, dopo lo shock del rapimento, stavano emergendo quando Moro fu ucciso. Si doveva fare di più per salvarlo, anche per la sensibilità alla vita umana che caratterizza l’Italia dalla Seconda guerra mondiale. Si è fatto di più in Italia in vari casi, e anche per italiani rapiti all’estero. Altri Paesi, come Gran Bretagna e Stati Uniti, non negoziano. L’Italia sì.

Certo, niente era facile in quei momenti terribili. Marco Damilano, nel suo libro Un atomo di verità, commenta: «Quarant’anni dopo, lo Stato non è riuscito ancora a spiegare come sia stato possibile consegnare per 55 giorni il Presidente a una banda di terroristi incolti e mal preparati». Dopo la morte di Moro, la Dc si trascinò in quella che oggi appare un’agonia. Con la Dc finirono i socialisti e poi arrivò l’ora del Pci. Così scomparve la politica, legata alle culture storiche e a “popoli” di militanti. Si può e si deve discutere ancora di questa nostra tragedia nazionale. Resta però, come un macigno, la responsabilità di un gruppo di stolti e radicalizzati, come le Br. Le loro interviste e i loro libri mostrano la loro insensata volontà di usare la violenza per cambiare in meglio il mondo, e invece lo resero peggiore. È la follia del terrorismo di ieri e di oggi.

NON DOVEVA MORIRE - Edicola San Paolo

Come Paolo VI cercò di salvare Aldo Moro: a quarant'anni dalla vicenda, il libro ripercorre i 55 giorni che vanno dal sequestro all'assassinio raccontando i tentativi con cui papa Montini cercò di salvare il presidente della Dc

Multimedia
Il grido di Giovanni Paolo II contro la mafia
Correlati
I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo