logo san paolo
venerdì 22 giugno 2018
 
I testimoni
 
Credere

L'Associazione Chiara Corbella Petrillo: «Chiara ci guida dal cielo»

13/06/2018  A sei anni dalla morte di Chiara Corbella gli amici che le sono stati vicini chiedono l’apertura della causa di beatificazione. «La sua vocazione era aiutare il prossimo, ora lo sta facendo in un altro modo»

Un carcinoma scoperto al quinto mese di gravidanza e la scelta di rinviare le cure che avrebbero compromesso la vita del bambino. Finalmente Chiara avrebbe dato alla luce un figlio sano. Era la sua terza maternità. Maria Letizia e Davide Giovanni erano sopravvissuti  appena mezz’ora dopo la nascita a causa di gravi malformazioni. «La felicità dell’arrivo di un figlio non è stata affievolita dalla notizia del tumore», racconta Daniela Salernitano, ginecologa e amica di Chiara Corbella. «Sicuramente alla felicità si è aggiunta anche la preoccupazione, ma fino alla fine Chiara e suo marito Enrico sono stati contenti e grati a Dio del dono ricevuto».

Il suo sorriso aperto e solare, la sua granitica fede in un Dio buono, che neanche la perdita di due figli e la malattia hanno mai scalfito, continuano a conquistare migliaia di fedeli che si rivolgono a lei come un’amica, certi che saranno ascoltati. «Chiara viene spesso invocata dalle persone, dalle suore, dai giovani, dalle mamme in attesa e uno dei motivi per cui il suo messaggio arriva a tanti è che tutti possono immedesimarsi in lei», continua la dottoressa Salernitano. «Era una persona normale che non ha fatto niente di particolarmente eroico che non sia possibile agli altri, ha semplicemente detto tanti piccoli sì al Signore senza mai dubitare e si è sempre sentita amata, anche nella malattia».

SORRIDERE ALLA VITA

Un sì detto a piccoli passi, giorno per giorno, senza pensare al passato né al futuro, vivendo il presente come una grazia. Piccoli passi possibili (La Porziuncola) è anche il titolo di un libro che raccoglie le testimonianze di chi l’ha conosciuta: suo marito Enrico, i genitori, la sorella Elisa, fra Vito D’Amato, padre spirituale dei coniugi  Petrillo, Daniela Salernitano e tanti altri. In tutte le immagini che la ritraggono Chiara è sempre sorridente, mai triste.

La sua forza e la sua straordinaria resilienza stanno nell’aver accettato la malattia sorridendo alla vita, pur sapendo che non sarebbe mai guarita.

L’EREDITÀ SPIRITUALE DI CHIARA

  

«Lo scopo della nostra vita è amare ed essere sempre pronti a imparare ad amare gli altri come solo Dio può insegnarti. Se starai amando veramente, te ne accorgerai dal fatto che nulla ti appartiene veramente perché tutto è un dono. Come dice san Francesco: il contrario dell’amore è il possesso! Sappiamo che sei speciale e che hai una missione grande, il Signore ti ha voluto da sempre e ti mostrerà la strada da seguire se gli aprirai il cuore. Fidati, ne vale la pena!».

Era il 30 maggio 2012, il giorno del primo compleanno di Francesco. Con queste parole Chiara Corbella ed Enrico Petrillo regalavano a loro figlio una testimonianza di fede e amore, qualcosa di molto simile a un’eredità spirituale. Un mese dopo Chiara moriva a soli 28 anni. A distanza di sei anni la sua storia, raccolta nel libro Siamo nati e non moriremo mai più (La Porziuncola) ha fatto il giro del mondo con traduzioni in dieci lingue e oltre 100 mila copie vendute.

«Chiara era una ragazza vivace che faceva battute su tutto, anche negli ultimi tempi. È sempre stata positiva, guardava avanti e sapeva ascoltare. La sua vocazione era aiutare il prossimo, probabilmente ora lo sta facendo in un altro modo», commenta Roberto Corbella, padre di Chiara.

LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE

Il 13 giugno 2017, a cinque anni dalla scomparsa, è nata l’Associazione Chiara Corbella Petrillo con lo scopo di favorire e supportare la sua causa di beatificazione. Cinque anni sono il tempo necessario che la Chiesa richiede per verificare se la partecipazione che ha accompagnato i funerali e il modo in cui ha vissuto la sua breve e intensa vita celino un seme di santità che possa germogliare nella vita dei fedeli. «Un tratto della santità di Chiara consisteva nella sua docilità. Caratterialmente era  determinata per non dire testarda, tuttavia aveva imparato a essere docile sia ai fatti che le capitavano sia alle indicazioni che le venivano date, anche quando potevano contraddire il suo modo di vedere e leggere le cose. Inoltre aveva un rapporto speciale e costante con la Vergine Maria», commenta fra D’Amato.

I membri dell’Associazione sono gli stessi del Rosary Group, ragazzi e famiglie che si sono stretti intorno ai Petrillo nei momenti più difficili. «Quando abbiamo capito che la malattia di Chiara si stava aggravando, andavamo a trovarla una volta a settimana per recitare il rosario», conclude Massimiliano Modesti, marito di Daniela Salernitano e presidente dell’associazione.

«Così è nato il Rosary Group, un insieme di circa 12 famiglie che poi sono gli amici che hanno accompagnato Chiara ed Enrico in questi anni», riprende Modesti. «Ora siamo nel periodo in cui il diritto canonico ci dice che è possibile chiedere l’apertura di una causa di beatificazione. Vedendo la risonanza che la storia di Chiara ha avuto, noi amici ci siamo molto meravigliati. Ci sembra una storia davvero molto bella e desideriamo testimoniarla, chiedendo alla Chiesa se veramente è una storia di santità e ci sono le condizioni per la sua beatificazione».

Foto di Cristian Gennari/Romano Siciliani

Per approfondire su San Paolo Store

  

Piccoli passi possibili. Chiara Corbella Petrillo su Sanpaolostore.it

La parola ai testimoni. L'esperienza di vita e l'esempio di Chiara Corbella Petrillo, la strada verso la beatificazione su Sanpaolostore.it

Multimedia
Il fidanzato di Sandra Sabattini: «Ecco chi era la mia ragazza che diventerà santa»
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo