logo san paolo
martedì 16 ottobre 2018
 
Spazio, ultima frontiera
 

«Astronauti dal Papa... ma gli alieni credono in Dio?»

14/06/2018 

Scrivo in merito all’incontro avvenuto l’8 giugno in Vaticano fra papa Francesco e gli astronauti, fra cui lo storico astronauta milanese Paolo Nespoli, come avvenne il 21 maggio 2011 con il papa emerito Benedetto XVI. Il gesto bello e commovente è stato la tuta da astronauta che hanno donato a Francesco, invitandolo a fare un giro nello spazio per vedere le meraviglie del sistema solare.

Volevo chiedere se nelle galassie ci saranno altre forme di vita e se avranno anch’esse principi morali e un credo religioso.

MARCO GIRALDI - Prato

Parlando con il Papa, Paolo Nespoli ha detto che dallo spazio si apprezza «la bellezza ma anche la vulnerabilità della Terra». Da lassù non si vedono i confini, se non quello dell’atmosfera. Siamo tutti invitati a preservare questa nostra Terra, così bella ma anche così fragile.

Ci saranno altri mondi abitati? Quegli esseri crederanno in Dio? Domande come questa non hanno una risposta, almeno per ora. La Bibbia e il magistero della Chiesa si interessano solo all’umanità terrestre e al suo destino ultimo. Tuttavia noi crediamo che ci sia un solo Dio, creatore di tutto ciò che esiste, anche al di fuori del nostro pianeta. Se ci fossero altri esseri in altri mondi, sarebbero comunque creature e quindi strutturalmente limitate, finite, mortali come noi. Nella misura in cui sia stata data loro la libertà ci sarebbero anche per loro le relative implicazioni morali.

 

EN: Pope Francis yesterday welcomed the astronauts of the ISS 53 mission to the Vatican. The meeting was a continuation of their conversation on October 26th, when the Pope spoke with the crew of the International Space Station via videolink. The Italian astronaut Paolo Nespoli told Vatican News: "Going into space changes you. It makes you appreciate both the beauty and the vulnerability of the Earth." PT: Ontem, o Papa Francisco recebeu no Vaticano os astronautas da missão ISS-53. O encontro foi a continuação do colóquio de 26 de outubro, quando o Papa se conectou, através de vídeo, com a equipagem da estação espacial internacional. “A possibilidade de ir ao espaço - declarou ao Vatican News o astronauta italiano Paolo Nespoli - te trasforma. Aprecia-se a beleza, mas também a vulnerabilidade da Terra.” ES: El Papa Francisco recibió ayer en el Vaticano a los astronautas de la misión ISS-53. Este encuentro fue la continuación del coloquio del pasado 26 de octubre, cuando el Papa mantuvo una videoconferencia con la tripulación de la Estación Espacial Internacional. "La posibilidad de ir al espacio te cambia -ha declarado a Vatican News el astronauta italiano Paolo Nespoli-. Se aprecia la belleza de la Tierra, pero también su vulnerabilidad". IT: Ieri Papa Francesco ha ricevuto in Vaticano gli astronauti della missione ISS-53. L’incontro è stato la continuazione del colloquio del 26 ottobre, quando il Papa si è collegato, via video, con l’equipaggio della Stazione spaziale internazionale. “La possibilità di andare nello spazio - ha dichiarato a Vatican News l’astronauta italiano Paolo Nespoli - ti cambia. Si apprezza la bellezza ma anche la vulnerabilità della terra”

Un post condiviso da Vatican News (@vaticannews) in data:

I vostri commenti
10
scrivi

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo