logo san paolo
venerdì 18 agosto 2017
 
Il teologo
 

Atto di dolore, il vero volto di Dio non dà castighi

05/04/2017  Ci scrive un lettore che ha trovato una formula diversa della celebre preghiera recitata al termine della Confessione. Non è necessario dire «perché ho meritato i tuoi castighi». Ognuno può esprimere con parole sue il pentimento.

ANDREA - In una chiesa ho trovato una formula dell’Atto di dolore in cui non si parla di «castighi», ma di «fiducia tradita». Che ne pensa? I castighi vanno intesi come espiazione dei peccati?

L’atto di dolore, al termine della Confessione, si può recitare con formule diverse. Il Rituale della Penitenza (1974) ne propone più di una, anzi invita il penitente a esprimere con parole sue il pentimento per aver offeso l’amore di Dio e tradito la sua fiducia. La formula tradizionale («perché ho meritato i tuoi castighi») a molti crea difficoltà, perché fa pensare a Dio che punisce e castiga. E ciò contraddice il vero volto di Dio che, in Gesù Cristo, si rivela come liberatore e salvatore e mai come autore di disgrazie; queste non vengono da Dio, non sono suoi castighi.

 

Dio, invece, dona l’aiuto per superarle e trasformarle in occasioni di bene. In unione al mistero di passione, morte e risurrezione di Gesù Cristo, ha senso viverle in espiazione (purificazione) dei peccati. Così la Chiesa prega per le anime del Purgatorio, perché si completi, per loro, la purificazione dai peccati per una piena comunione con Dio. Ma tutta la vita è tempo di grazia, di perdono e di espiazione dei peccati commessi.

I vostri commenti
42
scrivi

Stai visualizzando  dei 42 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo