logo san paolo
venerdì 24 novembre 2017
 
 

Bambino Gesù: la svolta dell' ospedale del Papa

04/11/2015  Nuovo Consiglio direttivo per l'ospedale pediatrico. Parolin: "Trasformarlo in una grande opera di carità". Nel board anche Ferruccio de Bortoli. La presidente Mariella Enoc: "Si volta pagina". Il Bambino Gesù è finito nel nuovo scandalo Vatileaks per i soldi usati per l'appartamento dell'ex-Segretario di Stato Bertone.

L'opera di rinnovamento di papa Francesco va avanti e oggi ha toccato l’ospedale pediatrico Bambino Gesù, la cui Fondazione è stata tirata in ballo in Vatileaks 2. Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, ha rinnovato il consiglio direttivo dell'ospedale con l'obiettivo di trasformare il Bambin Gesù ‘in quella grande opera di carità’ che papa Francesco, sulla scia dei suoi predecessori, desidera sia e diventi sempre più”. E per garantire “trasparenza, solidarietà e innovazione” sono stati nominati sei consiglieri i cui nomi più noti sono quelli di Ferruccio De Bortoli, ex direttore del 'Corriere della Serà, Anna Maria Tarantola, ex presidente Rai, e Maria Bianca Farina, manager di Poste italiane e già nominata da Bergoglio nell’istituto vaticano per la prevenzione e il contrasto al riciclaggio. Gli altri tre sono Pietro Brunetti, ex manager Atm Milano, Caterina Sansone, della segreteria di Stato, e l’ambasciatore Antonio Zanardi Landi. Nuovi consiglieri, nuovo statuto e nuova mission, dunque, per il Bambino Gesù, come ha dichiarato nel corso della prima riunione la presidente del consiglio direttivo, Mariella Enoc: “Un obiettivo cui ho lavorato fin dal primo giorno del mio insediamento«. L'ospedale è finito infatti nello scandalo Vatileaks 2 per quei 200 mila euro della sua Fondazione utilizzati, per ristrutturare, secondo quanto riferisce il libro ‘Avarizia’ di Emiliano Fittipaldi, il lussuoso attico dove vive il cardinal Bertone. Spesa confermata all'autore del libro da Giuseppe Profiti che è stato presidente della Fondazione fino allo scorso anno. Per questo, nel messaggio inviato ai nuovi consiglieri il cardinale Parolin esprime vicinanza e ringraziamento “per aver accettato questo non facile compito, mossi da quel nobile spirito di servizio, umile e disinteressato, che deve contraddistinguere i discepoli di Gesù e, nel nostro caso, quanti lavorano, ai diversi livelli, nell'Ospedale del Papa. La presidente Mariella Enoc assicura che “si inaugura formalmente oggi con la prima riunione del Consiglio direttivo e l'approvazione del nuovo Statuto un percorso di riforma”. Si volta “decisamente pagina rispetto al passato”, aggiunge: “ La Fondazione sarà una casa di vetro che avrà il compito di raccogliere fondi per l'Ospedale da destinare alla ricerca, all'innovazione, alle iniziative di solidarietà anche in campo internazionale”.

 (Ansa)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo