logo san paolo
domenica 22 settembre 2019
 
dopo gli attentati
 

Basta turismofobia, ora Barcellona teme l'esodo degli stranieri

30/08/2017  L'altare commemorativo sulla Rambla è stato smantellato. La vita cittadina cerca di tornare alla normalità, ma nei quartieri del centro ristoratori e commercianti avvertono il calo del flusso dei visitatori dopo il 17 agosto.

Lungo la Rambla il viavai dei turisti comincia a tornare al suo flusso di sempre. L'enorme altare commemorativo di candele, fiori, pupazzi, messaggi, disegni, sorto spontaneamente in corrispondenza del famoso mosaico di piastrelle di Joan Miró, è stato smantellato durante la notte tra il 28 e il 29 agosto. Per dieci giorni l'altare commemorativo ha "tagliato" la Rambla fermando il cammino dei passanti: la gente si soffermava intorno all'omaggio alle quindici vittime per un momento di riflessione in composto silenzio.  

 

A Barcellona la vita cerca di riprendere la normalità. Nei quartieri più distanti dal centro l'eco del terrorismo rimbalza ogni tanto nei discorsi tra i tavolini all'aperto dei bar. Ma nel cuore della città, tra le vie del barrio Gotico, vicino alla Rambla, la tipica atmosfera di incessante movida, l'aria festosa delle orde di turisti da tutto il mondo ha lasciato il posto a un passeggio meno chiassoso e più ordinato. La presenza degli agenti della Guardia urbana e dei Mossos d'esquadra (il corpo di polizia della Catalogna) in plaza Catalunya e lungo la Rambla rammenta il bisogno di protezione e sicurezza della città ferita. 

Tra le vetrine dei negozi e i chioschi di bibite e snack, compare ancora qualche cartello con la scritta "No tinc por", non ho paura: lo slogan catalano che ha animato il corteo contro il terrorismo di sabato 26 agosto. E mentre continuano le polemiche sul carattere marcatamente indipendentista assunto dalla manifestazione, commercianti e ristoratori del centro registrano gli effetti degli attentati terroristici sui flussi turistici. «Lungo il Passeig de Gracia, la principale via dello shopping di Barcellona, il numero dei turisti è diminuito», osserva una ragazza colombiana che lavora in un centro benessere,  «chi non passa qui tutti i giorni non se ne rende conto. Ma per chi, come me, ci lavora, il cambiamento è più visibile». A notare il calo dei clienti è anche il gestore di un ristorante cubano nel quartiere del Born: «Fino al 17 agosto eravamo sempre pieni. Ora gli avventori sono molti di meno». 

 

Pensare che l'estate era cominciata con la turismofobia dei barcellonesi, esausti di vedersi "invasi" da maree di visitatori che fanno lievitare i prezzi di negozi e ristoranti e rendono la vita difficile agli abitanti. "Meno turisti più rifugiati" è lo slogan coniato orgogliosamente dalla città. Ma, dopo gli attentati, le cose sono cambiate. Come scrive Enric Juliana sul quotidiano di Barcellona La Vanguardia, tanta gente ora scongiura il rischio che nella capitale catalana accada ciò che è successo a Parigi, dove nel 2016 il turismo ha subìto un calo del 5% in conseguenza del terrorismo. Ora la sfida per la città è mantenere intatta la sua immagine di capitale dell'accoglienza, dove tutti sono i benvenuti. "Probabilmente", commenta il vicedirettore del principale quotidiano catalano, "a Barcellona per lungo tempo non si tornerà a parlare di turismofobia".

 

(Foto di Giulia Cerqueti)

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%