logo san paolo
sabato 24 agosto 2019
 
RISCATTO SOCIALE
 

Bari, barca scafista diventa una biblioteca itinerante

13/07/2019  Otto minorenni sottoposti a misure penali o in carico ai servizi di comunità del Comune hanno restaurato Kalimchè, un'imbarcazione confiscata alla criminalità organizzata, utilizzata per il traffico di esseri umani da Bodrum (Turchia) a Otranto e concessa dal ministero della Giustizia per le attività di riabilitazione dei giovani in situazione di disagio. All'inaugurazione, anche don Luigi Ciotti.

Le fotografie di questo servizio sono dell'agenzia di stampa Ansa,
Le fotografie di questo servizio sono dell'agenzia di stampa Ansa,

Otto minorenni sottoposti a misure penali o in carico ai servizi di comunità del Comune di Bari hanno restaurato Kalimchè, un'imbarcazione confiscata alla criminalità organizzata, utilizzata per il traffico di esseri umani da Bodrum a Otranto, concessa dal Ministero della Giustizia per le attività di riabilitazione dei giovani in situazione di disagio e che, dopo quasi un anno di lavoro, è tornata in mare. L'inaugurazione è avvenuta nel porto di Bari con don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Il progetto, dal nome 'Il Cantiere d'Amare', realizzato dall'associazione di promozione sociale 'Marcobaleno' di Bari, è risultato vincitore dell'edizione 2018 del concorso 'Orizzonti solidali' promosso dalla Fondazione Megamark.

Dopo un percorso di formazione seguito da una seconda fase di restauro degli interni dell'imbarcazione, con il contributo dei tecnici della scuola di vela e nautica Mar di Levante Srl, l'imbarcazione - rende noto l'agenzia Ansa - ha ripreso il mare come biblioteca itinerante per iniziative con scrittori, illustratori ed educatori sociali, frutto della collaborazione fra il Centro Giustizia Minorile per la Puglia e la Basilicata e l'assessorato al Welfare del Comune di Bari con il progetto Bari Social Boat. «Kalimchè sarà un simbolo di riscatto e legalità», ha dichiarato il dirigente del Centro per la Giustizia Minorile di Bari, Giuseppe Centomani. Francesco Partipilo, presidente dell'APS Marcobaleno, ha evidenziato il «valore simbolico del passaggio della Kalimchè da strumento del crimine a mezzo di recupero dei minori e la loro restituzione ad una cittadinanza attiva». «L'assessorato al Welfare ha investito circa 90mila euro per l'allestimento di questa imbarcazione e di tutti i presidi di lettura popolare, perché riteniamo fondamentale - ha spiegato l'assessore comunale Francesca Bottalico - investire nelle relazioni, nella costruzione di legami e nella conoscenza, anche per contrastare fenomeni, sempre più frequenti, connessi alla paura, all'odio e alle discriminazioni». «L'auspicio - ha commentato Daniela Balducci della Fondazione Megamark - è che questo progetto possa diventare un esempio da seguire per altre iniziative sul territorio».

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%