logo san paolo
giovedì 18 luglio 2019
 
dossier
 

Camilleri agli studenti: «Non credete a Renzi e ai grillini, sono già morti»

23/06/2017  Lo scrittore si rivolge ai giovani in un incontro ospitato nella sua abitazione romana con gli allievi del suo stesso liceo di Agrigento: «Rifate la politica e ricordatevi Pericle, il discorso che fa sulla democrazia. Applicatelo. Voi giovani siete in condizioni di farlo. Renzi e i Cinque Stelle sono già cadaveri, già fuori dalla vostra storia e dal vostro avvenire. Teneteli lontani»

Andrea Camilleri non le manda a dire. Incontra, nella sua casa romana, un gruppo di studenti del Liceo classico Empedocle di Agrigento, lo stesso frequentato da ragazzo dallo scrittore, e parla di tutto: i suoi romanzi, la lingua inventata per il Commissario Montalbano, la letteratura e la politica. Lancia frecciate molto polemiche: «Non credete ai Renzi e ai Cinque Stelle» perché «sono già cadaveri».

Questo l'invito dello scrittore. Dal dialogo con gli studenti è venuto fuori un video proposto giovedì sera ad Agrigento nel corso di una affollata “Serata Camilleri” organizzata nell'ambito del Festival della Strada degli Scrittori. Un video destinato a suscitare polemiche nel mondo politico. Camilleri dispensa infatti consigli affilati come lame, invitando i ragazzi «a non credere ai Renzi o ai CinqueStelle» perché «sono già cadaveri, già fuori dalla vostra storia e dal vostro avvenire. Teneteli lontani dal vostro avvenire. Fatevelo voi...».

Ricordatevi Pericle, il discorso che fa sulla democrazia. Applicatelo

Alla prima domanda dei ragazzi Camilleri racconta il suo rapporto con i vecchi partiti: «Mai votata la Democrazia cristiana. Io ho sempre votato Partito comunista che, bene o male, aveva il rispetto delle istituzioni». E oggi? «Oggi la politica è rappresentata da gente che ha degradato il lavoro. Nel lavoro consiste buona parte della dignità dell'uomo... E ci si domanda che valore abbia l'articolo 1 della Costituzione. La verità è che i primi a non considerarla sono i partiti della sinistra, del cosiddetto centrosinistra».

Prevale un certo pessimismo nelle parole consegnate agli studenti dell'Empedocle da Andrea Camilleri che, per la prima volta, parla della sua vista, sempre più spenta. Ma a turbarlo è la condizione della politica: «Sono scoraggiato. Alle ultime elezioni romane non sono andato a votare. Sono invece andato al referendum. Anche se per andarci mi sono dovuto sottoporre a tre visite mediche per accertare la mia cecità e potere andare in cabina elettorale accompagnato». Ed ancora: «Voglio darvi un consiglio: rifate la politica che è diventata quasi sinonimo di disonestà. Ricordatevi Pericle, il discorso che fa sulla democrazia. Applicatelo. Voi giovani siete in condizioni di farlo».

Infine una riflessione sui vecchi e i giovani, sulle responsabilità degli adulti: «Anch'io mi sento responsabile... Ho vissuto l'entusiasmo del 1945, del 1947 per rifare l'Italia. E poi? Poi io consegno a mia pronipote e a voi un futuro incerto. Questo è un fallimento che mi porto nella tomba». Ma non è un invito ad estraniarsi dalla vita pubblica, come conclude Camilleri: «È facile cadere nell'antipolitica, ma il populismo è la fiammata di un mattino. Appunto, non crediate ai Renzi o ai CinqueStelle...».

Multimedia
Camilleri: «Da cieco mi pareva impossibile imparare a memoria 25 pagine, ma ce l'ho fatta!»
Correlati
Camilleri: «Da cieco mi pareva impossibile imparare a memoria 25 pagine, ma ce l'ho fatta!»
Correlati
La storia d'Italia con le donne di Camilleri
Correlati
I vostri commenti
27
scrivi

Stai visualizzando  dei 27 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%