logo san paolo
domenica 17 febbraio 2019
 
CAMPIELLO
 

Camon: "Il tramonto del mio Nordest, ricco e materialista"

11/09/2016  In occasione del conferimento del Premio Fondazione Campiello, torna nelle librerie "Un altare per la madre", romanzo del 1978 con cui lo scrittore veneto vinse lo Strega.

(Foto tratte dal sito www.ferdinandocamon.it)

Torna in libreria Un altare per la madre (Garzanti, pp. 105, euro 13,00), il libro con cui nel 1978 Ferdinando Camon vinse lo Strega. L'occasione è l'attribuzione del prestigioso riconoscimento alla carriera Premio Fondazione Campiello. 

Veneto, classe 1935, scoperto e sostenuto ai suoi esordi come narratore nei primi anni '70 da Pier Paolo Pasolini, Ferdinando Camon è autore di numerosi romanzi tradotti in tutto il mondo. 

Nel romanzo la morte dell'anziana madre dell'autore assurge a simbolo della fine della civiltà contadina.

Camon, che cosa è cambiato da allora?
«È scomparso tutto un mondo, un'idea della vita, della famiglia, del bene e del male. Quello che oggi constato nelle terre del ricco Nordest è un aspetto pervasivo e disperante, cioè una visione completamente materialistica dell'esistenza».

E questo cosa ha comportato?
«È venuto meno ogni senso del trascendente, insieme con l'idea di Dio, il valore della persona in quanto tale e la certezza dei criteri morali».

Come vede il futuro?
«Quello che ho imparato in 81 anni di vita è che nella Storia i problemi vengono superati non da soluzioni, ma dal sorgere di altri, nuovi problemi. Oggi quello a cui siamo di fronte è la necessità, inevitabile, di integrarci con altre culture, religioni, civiltà. È una montagna da scalare, una scalata per la quale occorrono coraggio e fiducia».

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo