logo san paolo
martedì 17 settembre 2019
 
Appello disperato
 

Caro Papa, aiutaci a far liberare il nostro papà

03/03/2017  I figli del medico iraniano da un anno in prigione a Teheran con l'accusa di essere una spia, hanno mandato un messaggio facebook al pontefice. Intanto il medico, che ha lavorato al Centro di medicina dei disastri di Novara, sta facendo uno sciopero della fame e della sete per protestare la sua innocenza

Non si ferma la mobilitazione per il medico iraniano Ahmadreza Djalali, per anni ricercatore del Centro di medicina dei disastri di Novara che da un anno  si trova nel carcere di Evin a Teheran con l'accusa di essere una spia. Per lui sono state raccolte oltre 220 mila firme in tutto il mondo, Amnesty International ha avviato un'azione urgente e ieri è partito dal web anche l'invito a inviare un tweet. E anche i suoi figli,  Amitis e Ariou, 14 e 5 anni, che vivono con la madre in Svezia, si sono rivolti via face book al papa: «Francesco aiuta il mio papà a tornare a casa: non lasciarlo morire in prigione...». hanno accompagnato questo messaggio con la loro foto che mostra sul palmo delle mani le scritte «free our dad» e «came back daddy», «libero il nostro papà» e «torna a casa papà». Sempre via facebook i bambini hanno diffuso  una lettera al padre ascritta dalla figlia maggiore: ««Ti sei perso il mio quattordicesimo compleanno, spero non ti perderai il prossimo Sogno ogni giorno di vederti tornare a casa, di riabbracciarti, di giocare di nuovo con te, ma ho paura che quel giorno non arriverà mai. Sogno il giorno che mi sveglierò con la notizia che sei stato rilasciato e che tutta la sofferenza, tua e nostra, è finalmente finita ... Tutto quello che hai fatto è aiutare le persone in giro per il mondo… Ho paura che un giorno dovremo dire ad Ariyo perché non sei più tornato. Vuole che tu torni, dice di voler andare fino in fondo all'Iran per trovarti, ha bisogno di te. Ha bisogno di te, di tornare a giocare insieme, di fare il ninja e tutti i giorni piange per mentre tu, solo, stai seduto nella tua cella... senza mangiare e senza bere nel tentativo «di far sentire la tua voce contro tutta questa ingiustizia». «Caro papà - è il saluto finale - ti amerò sempre. Non potrò mai rinunciare a credere che un giorno tornerai. Tu non mollare». Ahmadreza Djalali, 45 anni, esperto di medicina d'emergenza, innamorato del suo Paese per i colleghi, pericolosa spia per il Tribunale della Rivoluzione, da venerdì ha iniziato lo sciopero della sete, oltre a quello della fame. La decisione di riprendere lo sciopero della fame, che aveva interrotto, e di attuare anche quello della sete dopo che Djalali si è di nuovo visto ricusare il suo avvocato e non ha ottenuto la fissazione di una data certa per il processo. «Siamo molto preoccupati per lui» afferma il professor Francesco Della Corte, direttore del Crimedim di Novara per cui il medico iraniano lavorava, « lo sciopero della sete ha conseguenze molto pensanti sul fisico». «La situazione è angosciate, è in pericolo di vita», aggiunge il collega e amico Luca Ragazzoni.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%