logo san paolo
sabato 19 gennaio 2019
 
lotta alla mafia in tv
 

Catturandi, quei poliziotti senza identità che stanano i boss

12/09/2016  Ecco chi sono gli agenti incappucciati della sezione d'élite della squadra mobile di Palermo. Per la prima volta una serie Tv, in onda su Raiuno, li racconta al grande pubblico. "Sono degli eroi moderni", commenta l'attore Alessio Boni, uno dei protagonisti della fiction "Catturandi", nell'intervista pubblicata nel numero 37 di "Famiglia Cristiana".

(In copertina, foto Ansa: agenti della Catturandi di Palermo durante un arresto. Qui sopra, da sinistra: Leo Gullotta, Massimo Ghini, Anita Caprioli e Alessio Boni nella serie "Catturandi")

Uomini senza volto. Si mostrano ai cittadini, ai fotografi e alle telecamere nascosti dietro un passamontagna, per motivi di sicurezza personale, quando mettono a segno un arresto eccellente, la cattura di un pezzo grosso della criminalità organizzata. Sono gli agenti della Catturandi, sezione d'élite della squadra mobile della Polizia di Palermo, dedita alla lotta contro la mafia. Poliziotti super specializzati, addestrati per svolgere funzioni molto particolari con uno scopo preciso: l'individuazione e la cattura dei boss latitanti. Proprio per l'estrema delicatezza e pericolosità del loro compito, la loro vita è spesso sotto minaccia. 
 
«Sono degli eroi moderni, nell'ombra, che sacrificano la loro vita». Nell'intervista pubblicata nel numero 37 di Famiglia Cristiana li definisce così l'attore Alessio Boni, uno dei protagonisti della fiction Catturandi. Nel nome del padre, in onda da questa sera, 12 settembre, su Raiuno per sei puntate, con la regia di Fabrizio Costa. Oltre a Boni - che interpreta il ruolo di un imprenditore del Nord Italia approdato in Sicilia per affari - nel cast figurano Anita Caprioli, Massimo Ghini e Leo Gullotta. La serie, girata a Palermo e dintorni, racconta in Tv la lotta tra Stato e mafia dal punto di vista degli agenti di questa squadra speciale siciliana.

Costituita nel 1995, la sezione "Catturandi" di Palermo ha contribuito  all'arresto di almeno una trentina di boss di Cosa Nostra. Fra questi Bernardo Provenzano nel 2006, dopo decenni di latitanza, Giovanni Brusca nel 1996, Salvatore Lo Piccolo e il figlio Sandro, insieme ad altri due latitanti, Andrea Adamo e Gaspare Pulizzi, nel 2007, Domenico Raccuglia nel 2009 (era latitante dal 1996), Gianni Nicchi sempre nel 2009. Attraverso la sorveglianza elettronica e le intercettazioni, gli agenti hanno il compito di raccogliere le prove che conducono all'individuazione del luogo in cui un latitante si nasconde e al suo arresto. Un lavoro minuzioso, certosino, paziente, che spesso, per arrivare al risultato, richiede anni e anni di indagini complesse, fatiche, frustrazioni.

Oltre che a Palermo, le sezioni "Catturandi", con compiti di investigazione sulla criminalità organizzata e ricerca dei latitanti, sono istituite presso numerose altre squadre mobili delle 103 questure italiane, come Milano, Roma, Napoli e Reggio Calabria.  Negli anni passati sulle attività di questo reparto sono stati scritti dei libri, come 100% sbirro. Avventure e disavventure di un poliziotto della Catturandi, La Catturandi-La verità oltre le fiction e Catturandi. Da Provenzano ai Lo Piccolo: come si stana un pericoloso latitante. L'autore è un poliziotto che ha operato nel reparto di Palermo per 18 anni e la cui identità è nascosta dietro l'acronimo I.M.D. Con la serie di Raiuno per la prima volta questa squadra viene raccontata sul piccolo schermo. «Moltissima gente in Italia non conosce neppure l'esistenza della "Catturandi"», commenta Boni nell'intervista. «E' davvero importante affrontare temi sociali in televisione, parlare di mafia».     

Multimedia
Catturandi, la lotta dello Stato alla criminalità in una fiction Rai
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo