logo san paolo
mercoledì 17 luglio 2019
 
 

Che cos'è la Moab, la madre di tutte le bombe di cui parla Francesco

06/05/2017  E' stata usata per la prima volta da Trump, nei panni del dottor Stranamore lo scorso aprile a scopo propagandistico più che distruttivo, come un immenso e micidiale mortaretto

Il suo vero nome è GBU-43, Moab, Massive Ordinance Air Blast bomb, ma l’acronimo è stato mutuato in Mother of all bombs, la madre di tutte le bombe. La bomba cui allude papa Francesco è stata utilizzata giovedì 13 aprile in Afghanistan. Un gigantesco e tronfio sfoggio di potenza e di morte, poco utile persino in operazioni militari per la sua goffaggine. Il presidente americano Donald Trump, per l'occasione nei panni del dottor Stranamore, l’ha utilizzata come un immenso mortaretto per spaventare il mondo. Il ministro della Difesa ha detto nelloccasione che nessun civile è stato ucciso ma che sono stati “neutralizzati” 36 miliaziani dell’Isis.

 

Il 13 aprile è stata la prima volta in cui la madre di tutte le bombe è stata utilizzata dagli Stati Uniti in combattimento da quando è stata sviluppata, nel 2003. Un gigantesco sigaro lungo poco più di nove metri e pesante dieci tonnellate, di cui otto e mezzo utilizzati per contenere l’esplosivo. Nessun bombardiere americano ha attualmente le dotazioni necessarie a trasportare la Moab, così deve essere sganciata da un cargo C-130. Il suo potere distruttivo è equivalente a circa dieci tonnellate di trinitrotoluene. Per fare un paragone, la bomba atomica di Hiroshima del 1945aveva una forza equivalente a quindicimila tonnellate di TNT. La MOAB non è un ordigno penetrante, cioè non è studiata per colpire strutture pesantemente fortificate o sotterranee. Il suo raggio di esplosione e l’immensa onda d’urto che produce, però, sono in grado di distruggere caverne superficiali e altri sistemi poco profondi, come trincee e fortificazioni campali. L’onda d’urto si diffonde per 1,5 chilometri. La Madre di tutte le bombe definita una vergogna da Francesco è ritenuta dal Pentagono un'arma per liberare una vasta area da mine e altre trappole esplosive, lasciando nel contempo i difensori storditi e spaventati e quindi facili da sopraffare. Se venisse adoperata in un centro abitato, provocherebbe un'ecatombe nel raggio di un chilometro. E’ difficile da trasportare, perché un C130 è facilmente individuabile e neutralizzabile da una contraerea o da un caccia.

Naturalmente nella corsa alla “mutua distruzione”, come la definiva il ministro della Difesa McNamara ai tempi della guerra fredda, la Russia non è da meno. L’esercito russo sostiene di aver testato nel 2007 una bomba di sette tonnellate di esplosivo non nucleare diverse volte più potente del MOAB. L’arma è stata battezzata, “Padre di tutte le bombe”. Se gli americani hanno utilizzato il termine madre i russi non hanno avuto alcuno scrupolo a tirare in ballo la figura paterna.  Insieme, questa madre e questo padre che anziché generare, amare e accogliere distruggono e seminano morte e terrore,  fanno una coppia degna del dottor Stranamore.

 

 

 

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%