logo san paolo
martedì 12 dicembre 2017
 
Coraggiosa
 

Chi è Gessica Notaro, la miss rovinata dall’acido

20/04/2017  Sarà ospite giovedì sera al Maurizio Costanzo Show dove per la prima volta ha deciso di mostrare il suo volto dopo l’aggressione. È Gessica Notaro, la 27 enne finalista di Miss Italia 2007 che è stata sfregiata dall’ex compagno con l’acido a gennaio. Ecco chi è.

27 anni, di Rimini e una vita dedicata agli animali, al canto, al ballo, alle sfilate e alle conduzioni televisive su emittenti locali e nazionali. Di queste passioni Gessica Notaro ha fatto le sue professioni. La giovane donna ha lavorato, infatti, al delfinario di Rimini come addestratrice e speaker. Nel 2007, proclamata Miss Romagna, ha conquistato la finale al concorso di Miss Italia. Dopo questa esperienza è decollata una carriera nel mondo dello spettacolo prendendo parte a programmi Rai e Mediaset come cantante, ballerina e presentatrice.

Gessica con l'allora fidanzato Jorge Edson Tavares
Gessica con l'allora fidanzato Jorge Edson Tavares

Un giorno si è spenta la luce

La sera in cui, l’ex fidanzato Jorge Edson Tavares, a gennaio l’ha sfregiata con l'acido colpendola in pieno in volto e, per scivolamento, su un fianco. La giovane donna ha riportato ustioni gravissime particolarmente a un occhio. Nell’agosto precedente l'uomo, originario di Capo Verde, si era reso autore di altri maltrattamenti nei confronti di Gessica e a suo carico era stato aperto un fascicolo sfociato in un provvedimento di ammonimento del questore. Oggi la ragazza lamenta il fatto che, dopo la prima denuncia ai danni dell'ex fidanzato, la procura chiese l'arresto per il capoverdiano, ma il gip di Rimini dispose il divieto di avvicinamento alla ragazza. Qualche mese dopo, a gennaio, Tavares la aggredì con l'acido.

Una violenza senza fine

  

La vicenda di Gessica Notaro richiama alla memoria il caso di Lucia Annibali, l'avvocatessa di Pesaro sfregiata con l'acido da due sicari commissionati dal suo ex compagno Luca Varani, anche lui legale all'epoca dei fatti, iscritto al Foro di Rimini. L'episodio risale al 6 aprile 2013. Varani è stato condannato in via definitiva a 20 per tentato omicidio e stalking. 12 anni furono inflitti ai due esecutori materiali dell'attacco con acidi, gli albanesi Altistin Precetaj e Rubin Talaban.

Anche un'altra finalista di Miss Italia, la 23enne Rosaria Aprea, in passato è stata vittima di violenza: il fidanzato l'aveva picchiata al punto da ridurla in fin di vita.

Il coraggio di andare in Tv

Oggi Gessica ha trovato il coraggio di mostrare pubblicamente per la prima volta il suo volto. Entrata in jeans e maglietta in studio e un velo sul viso ha scelto di toglierlo per mostrarsi e testimoniare. Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, intervenuto in collegamento telefonico durante la registrazione della puntata dopo che Costanzo aveva invocato un suo intervento per aprire un'inchiesta sulla vicenda, ha spiegato di non poter entrare nel merito ma le ha dato appuntamento giovedì 27 aprile. «È  la prima volta in 30 anni di Costanzo show - ha commentato il conduttore ringraziando Orlando - che un ministro trova una soluzione così immediata». Nel frattempo, un mese fa, Tavares è stato rinviato a giudizio per stalking.

Multimedia
Il coraggio della miss sfregiata con l'acido
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo