logo san paolo
domenica 21 luglio 2019
 
dossier
 

"Una benedizione per mia figlia, 28 giorni, salva per miracolo"

27/08/2016  La storia di Sofia Maria e della sua famiglia di Amatrice scampata per un soffio al terremoto. La lunga notte dei soccorsi infagottata nelle coperte

(nella foto in alto:Domnica e Michajl con monsignor Galantino e monsignor Pompili)
 


Sofia Maria dorme tra le braccia della mamma. Nulla ricorderà della notte della scossa, quando le case andavano in frantumi e i muri ballavano. E’ viva qui nel giardino di Amatrice, sole che scalda macerie e i cuori di chi ha perso tutto. La mamma Domnica e il papà Michajl, rumeni, raccontano la storia di un miracolo, la storia della loro famiglia, che ce l’ha fatta ad uscire dalla macerie, i volti ricoperti di polvere e  Sofia Maria, 28 giorni appena, affagottata nella coperta insieme alle due sorelline, portare giù sulle scale traballanti, fuori nella piccola piazza dove tutto cadeva. Abitavano nella frazione di Sommati, una delle tante di Amatrice. Si erano conosciuti a Roma i due ragazzi rumeni e si erano sposati. Prima una bimba e poi un’altra. Un lavoro da muratore. Ma a Roma non ce la facevano. Troppo cara, la capitale. Amatrice poteva essere una scommessa e loro l’hanno accettata. Hanno trovato una casa bella e grande nella frazione appena sotto il paese, promessa di vita buona. I soldi bastavano e con il mutuo l’hanno comprata.

Racconta Domnica: “Abbiamo fatto sacrifici, Michajl lavorava e poi faceva altri mille lavoretti. Eravamo felici”. Adesso che hanno perso tutto le rimane la vita e le basta. Vuole solo una benedizione per Sofia Maria. A Sommati sono morti in tanti compresi tre inglesi che abitavano in una casa antica che avevano ristrutturato. Spiega Michajl: “D’inverno siamo appena due famiglie, ma in questi giorni la piccola frazione si era riempita di gente di qui che stava lontano, come ogni estate. Noi ci siamo salvati, altri, troppi, sono morti”. Lui dopo aver messo in salvo la sua famiglia si è messo a scavare con  le mani, ma il maglio del terremoto aveva già fatto il suo lavoro: “Sono riuscito a salvare soltanto quattro persone”. Racconta la notte, quella notte dopo le 3,36: “Abbiamo acceso un fuoco accanto alla macerie per scaldarci. Abbiamo aspettato i soccorsi”. Domnica stringeva Sofia Maria tra le braccia, lui le altre bimbe. Adesso loro giocano nella tenda dei volontari, una chitarrina e un flauto, disegni di alberi e di fiori. 

Di quella notte il papà ricorda ogni particolare, la mamma che urlava, lui che sfonda una porta, il fagotto con dentro le figlie, la forza della disperazione , i gradini delle scale che si sgretolano uno ad uno dietro di loro e poi la strada, il prato libero, la polvere la salvezza. Parlano con un filo di voce, finché arriva la domanda di Domnica: “C’è qualcuno che può benedire questa mia bimba?”. Con Alessia Giuliani, la fotoreporter di Famiglia Cristiana, ci guardiamo negli occhi. E’ solo un  attimo e la domanda trova una risposta: c’è don Domenico il vescovo di Rieti, che noi siamo abituati a chiamare così per i tanti anni di amicizia quando era portavoce della Cei e c’è  mons. Galantino, segretario generale dei vescovi italiani: “Potete venire? C’è una bimba da benedire”. Domnica è felice, ha le lacrime agli occhi, lei che è ortodossa rumena. Sofia Maria è la speranza di Amatrice e il sigillo della vita più forte del terremoto. Resta il dolore per tanti rumeni morti qui, diventati cittadini di Amatrice, comunità che li ha accolti. Sono sette i morti rumeni ad Amatrice, compreso un bambino. Altri nove risultano dispersi e quattro sono ricoverati in ospedale a Rieti. Ieri ad Amatrice è arrivato anche padre Costantin Horban, sacerdote della Chiesa ortodossa rumena d’Italia.

Multimedia
Amatrice, Accumoli ed Arquata del Tronto: le immagini del Papa tra i terremotati
Correlati
Telefonata di un'anziana ai pompieri eroi dopo il terremoto: «Vi farei il brodo, vi sto vicino»
Correlati
Amatrice, Accumoli ed Arquata del Tronto: le immagini del Papa tra i terremotati
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%