logo san paolo
lunedì 18 marzo 2019
 
comunali
 

Comunali, la disfatta del Pd mette nei guai Renzi

30/06/2017  Il trionfo del Centrodestra e del "modello Toti" ripropone a destra "l'asse del Nord" e mette in seria difficoltà il segretario dei democratici. E se si ponesse un problema di leadership?

La sonora sconfitta del Pd ai ballottaggi delle comunali e il trionfo del Centrodestra, con gran parte dei 22 capoluoghi di Provincia che passano all’asse Forza Italia-Lega Nord-Fratelli d’Italia, pone numerose questioni per la politica nazionale e per i due leader Berlusconi e Renzi. Il primo deve fermarsi di fronte al progetto di alleanza con il segretario del Pd e riconsiderare il modello Toti (dal nome del governatore della Liguria che ha riproposto la vecchia allenaza con l’asse del Nord). Il destino di Forza Italia, come nella poesia di Catullo, sembra legato alla Lega Nord: "nec tecum nec sine te". Quanto a Renzi, il flop dei democratici lo logora ulteriormente. Era difficile fare peggio: sono cadute roccaforti "rosse" come Genova e Pistoia, dove il Centrodestra non aveva mai vinto e cadono sei Comuni su sei - Piacenza inclusa - in Emilia-Romagna. Il Pd è riuscito a perdere le sfide anche a Carrara e a Fabriano, contro quel che era rimasto dei grillini, già abbondantemente falcidiati al primo turno.

Anche se i risultati delle elezioni amministrative sono spesso slegati dalle logiche nazionali,  da oggi a Matteo Renzi toccherà riannodare i fili di una sconfitta che rischia di minare anche la sua leadership: "Il Pd isolato politicamente perde. Cambiare linea e ricostruire il centrosinistra subito", è il fendente lanciato dal leader della minoranza Andrea Orlando". Ma anche il progetto politico di Orlando, quello dell'alleanza a sinistra, è uscito sconfitto dalle amministrative.
Il problema di Renzi infatti è che anche un progetto di unione con la sinistra di Bersani D'Alema e Pisapia (anziché con la destra di Berlusconi, come avveniva col Patto del Nazareno) è risultato disastroso. Peraltro la neonata costola della sinistra Mdp si è rivelata un mezzo flop. A questo punto Renzi ha un problema di strategia politica. Ma forse il problema è la sua stessa leadership, anche se un’alternativa all’ex premier - in casa Pd -  ancora non si vede all'orizzonte.

I vostri commenti
47
scrivi

Stai visualizzando  dei 47 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo