logo san paolo
sabato 16 dicembre 2017
 
dossier
 
Benessere

Cyberbullismo, cosa fare per difenderci

24/11/2016  Il bullo che utilizza i nuovi media indossa una sorta di maschera virtuale e assume comportamenti aggressivi verso gli altri

Sono mamma di due ragazze che frequentano il primo e il terzo anno delle scuole superiori. Qualche settimana fa, nella loro scuola è stato portato all’attenzione della preside prima, e dei genitori coinvolti dopo, un caso di cyberbullismo effettuato attraverso messaggi offensivi verso una studentessa. Sono rimasta molto turbata da questa esperienza e continuo a pensare che potrebbe capitare anche alle mie figlie di esserne vittime. Che cosa mi consiglia e come ci si può contrapporre a questa tendenza?

FRANCA R., Treviso 

Il cyberbullismo è un fenomeno sociale e deviante che negli ultimi anni è divenuto un importante e centrale oggetto di studio da parte degli esperti in psicologia sociale, giuridica, clinica, prevalentemente nell’ambito dell’età evolutiva, a causa di numerosi eventi tragici che hanno dominato la cronaca nel nostro Paese. Il termine viene prevalentemente utilizzato per riferirsi a tutti quei fenomeni di attacco, di prepotenza, aggressività o violenza verbale sistematica, perpetrati attraverso l’uso dei social network e, in generale, della Rete.
Colui o coloro che commettono una forma di cyberbullismo impiegano in modo offensivo, vessatorio, oppressivo e continuativo nel tempo, mail, post o materiale fotografico, arrecando un danno psicologico alla vittima. Questi comportamenti, nella maggior parte dei casi, si configurano come reati di carattere civile, penale e come violazioni del codice della privacy.
Tale modalità di atteggiamento sociale deviato è relativamente recente, poiché ha potuto manifestarsi a partire dalla nascita e diffusione di Internet. Ma il fenomeno del bullismo è certamente precedente allo sviluppo della Rete. L’avvento delle nuove tecnologie nella nostra quotidianità ha modificato significativamente le nostre abitudini, il nostro modo di vivere, il nostro modo di pensare, di agire e di relazionarci, ma non sempre in senso positivo. Per alcuni, questi strumenti divengono un’opportunità per esprimere la propria aggressività, le proprie insoddisfazioni, i propri sentimenti più bassi, la completa assenza di valori positivi, fino all’espressione di vere e proprie condotte antisociali, favoriti dalla possibilità di individuare bersagli facili e incapaci di difendersi. Il bullo che utilizza i nuovi media è un individuo che, indossando una sorta di maschera virtuale, mette in atto comportamenti aggressivi, pensando di essere invisibile e allo stesso tempo vivendo l’illusione che la sua vittima sia un’entità anonima e priva di emozioni.
Le scienze psicologiche hanno attribuito a questa distanza sociale tra il bullo e il suo bersaglio la causa dell’atto di cyberbullismo. In queste settimane, sta per essere approvata una legge al vaglio delle camere per la tutela delle vittime di cyberbullismo. Da molti viene descritta come una norma che potrà permettere alle autorità di intervenire nei casi in cui venga commesso e riconosciuto il reato verso un individuo, ma che non tiene conto a sufficienza della necessità di prevenire questo comportamento, molto pericoloso e dilagante. Chi studia da tempo il fenomeno, sostiene che l’investimento più produttivo è quello di intervenire attraverso l’educazione digitale. Con la diffusione di Internet, infatti, alle nuove generazioni è stato messo nelle mani uno strumento dotato di grosse potenzialità, ma che, allo stesso tempo, è un “portatore sano” di innumerevoli malattie per l’individuo e per la società.
Ai nostri figli, quindi, dovrebbe essere insegnato quali e quanti possano essere i pericoli della nuova società digitale. Ognuno di noi deve acquisire la consapevolezza che, per pubblicare un video, postare un contenuto o scrivere un giudizio, è necessaria la stessa prudenza e lo stesso senso di responsabilità che ci guidano nella vita reale, poiché la vita dei social non è una realtà virtuale. Nello stesso tempo, si rende sempre più necessaria anche una rieducazione morale e dei sentimenti, poiché la violenza che viene a volte trasmessa attraverso i social è nient’altro che la violenza che caratterizza sempre di più le nuove generazioni, che usano la Rete per potenziare, amplificare e diffondere il loro messaggio. Non basta, dunque, il meccanismo repressivo che interverrebbe soltanto dopo che il danno è già stato fatto, ma è fondamentale un percorso complesso, che vada nella direzione della promozione del rispetto della dignità dell’altro come valore irrinunciabile per l’essere umano.

Scopri BenEssere, la rivista che pensa alla tua salute dell'anima

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo