logo san paolo
giovedì 25 aprile 2019
 
Teatro
 

Divina Commedia in salsa napoletana

04/04/2016  Roberto Saviano e Mimmo Borrelli portano al Piccolo di Milano "Sanghenapule", dal 5 al 17 aprile, per raccontare Napoli e la "napolenità", frammenti di una storia intrecciati attraverso il suo simbolo: San Gennaro.

Due cose accomunano Mimmo Borrelli e Roberto Saviano.

La prima è il profondo legame con Napoli, la seconda è un altrettanto profondo legame, quasi una fede, nella parola, come strumento di resistenza, interpretazione e trasformazione della realtà.

Volendo, un terzo elemento li unisce,  e anche in questo caso si tratta di un legame: quello con il Piccolo Teatro di Milano.

Saviano nel 2009 andò in scena, per la prima volta, con La bellezza e l’inferno, diretto da  Serena Sinigaglia; Mimmo Borrelli, nel 2014 portò al Teatro Studio Malacrescita, una Medea nella Terra dei Fuochi.

Ora scrittore e drammaturgo si danno appuntamento al Piccolo con Sanghenapule (dal 5 al 17 aprile), testo di entrambi, regia di Borrelli, per tornare a raccontare la “napoletanità”, frammenti della storia della città, intrecciati su una trama, tra il serio e il grottesco, attraverso il suo simbolo per eccellenza, il suo santo protettore, san Gennaro, e la ritualità che lo accompagna.

Una sorta di Divina Commedia napoletana, con Saviano Virgilio e Borrelli Dante.

Lo spettacolo è accompagnato dalle musiche eseguite dal vivo di Gianluco Catuogno e Antonio Della Ragione.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo