logo san paolo
venerdì 24 novembre 2017
 
Il caso del cimitero di Casalecchio
 

E croce sia, ma discreta. Che non offenda i laicisti, per carità

24/04/2017  Dopo mesi di tira e molla, e l'intervento dell'arcivescovo Zuppi, il sindaco ha deciso: la croce al cimitero del paese dell'hinterland bolognese ci sarà. Ma non proprio all'entrata, un po' distante. Non sia mai che se è troppo vicina si perdano i voti dei mangiapreti.

Il sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso (foto Ansa)
Il sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso (foto Ansa)

L'arcivescovo Zuppi sul caso della croce al cimitero di Casalecchio  

Alla fine la Croce ci sarà, ma non proprio all’ingresso del cimitero. Qualche metro più in là, per salvare le apparenze e non scontentare nessuno, “ma si vedrà anche dall’esterno”. Parola del sindaco di Casalecchio, Massimo Bosso, che con una email scritta di suo pugno ha invitato tutti i consiglieri comunali alla cerimonia di benedizione della nuova croce, istallata, come tiene a specificare “nell’area iniziale del cimitero”.

Finisce così una querelle iniziata più di un anno fa quando, dopo i lavori di ampliamento del cimitero della cittadina dell’hinterland bolognese, il consiglio comunale aveva deliberato contro il collocamento di una croce nell’area del nuovo ingresso, provocando sconcerto e polemiche non solo tra le fila dell’opposizione, ma anche della stessa maggioranza PD.  Una decisione in nome dei principi “di uguaglianza e laicità” che aveva lasciato l’amaro in bocca.

Monsignor Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna  (foto Ansa)
Monsignor Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna (foto Ansa)

La Croce di Casalecchio e il messaggio dell'arcivescovo Zuppi

Anche la Curia bolognese era intervenuta, richiamando la pietà umana e il rispetto per i defunti. “Credo che questa decisione sia sbagliata e inopportuna” ribadì allora senza mezzi termini l’arcivescovo Matteo Zuppi, richiamando il dibattito annoso sulla presenza del crocifisso nei luoghi pubblici e la posizione di personalità laiche come Miriam Mafai o Giorgio Napolitano, secondo le quali il crocifisso non si doveva toccare “in quanto la croce è un simbolo che veicola valori di umanità”. “Lasciare la croce all’ingresso di un cimitero non ne limita l’accoglienza e non offende nessuno, ma richiama a quell’umanesimo che fa parte anche della cultura laica”, aveva concluso l’arcivescovo.

La croce (finalmente) al cimitero di Casalecchio: un ravvedimento (politico) "a metà"

  

Oggi finalmente il sindaco di Casalecchio, prendendo atto di quelle critiche, torna sulla sua decisione. Bontà sua. La croce, simbolo per tutti di pietà e di speranza, veglierà sui defunti e sarà di consolazione ai parenti e ai visitatori. Meglio tardi che mai, si dirà, anche se una querelle del genere, a dir poco pretestuosa e sterile, poteva e doveva essere evitata. Anche perché il “ravvedimento” con ogni probabilità è solo parziale. Dall’anno scorso sono cambiati gli equilibri politici, questa linea più “soft” era attesa e forse concordata. E poi, non dimentichiamolo, il sindaco non ha voluto strafare e ha usato la strategia della “discrezione”. Volete la croce? Va bene, ma non esageriamo. Il posto giusto non è proprio all’ingresso, al posto d’onore, ma qualche metro più in là rispetto al cancello. Così anche i tutori del laicismo potranno dire di aver salvato la faccia.

I vostri commenti
85
scrivi

Stai visualizzando  dei 85 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo