logo san paolo
mercoledì 16 ottobre 2019
 
opinioni a confronto
 

Gita riservata ai migliori in condotta? Meglio di no, o tutti o nessuno

06/03/2019  Se il viaggio è davvero di istruzione non si può negare solo ad alcuni, se ci sono i numeri si va tutti se non ci sono non va nessuno. Se la gita, invece, si riduce a una distrazione in cui l'ultimo dei pensieri è imparare qualcosa, tanto vale restare tutti sui banchi.

Troppi alunni iscritti alla gita scolastica, troppo pochi i docenti disponibili ad accompagnare le classi a Napoli. Laddove normalmente in casi simili, la gita salta, il consiglio di istituto di una scuola media di Massa Carrara ha deciso di risolvere il problema selezionando gli alunni secondo il voto in condotta: non essendoci posto per tutti, si è deciso, partiranno soltanto coloro che hanno tenuto un comportamento dal distinto in su. I genitori degli esclusi sono insorti: discriminazione, dicono.

Che dire? D’istinto e di principio: o tutti o nessuno. Anche perché, sulla carta le gite scolastiche si chiamano «viaggi di istruzione». Se di questo si tratta, se servono a imparare delle cose, ad allargare gli orizzonti e il patrimonio di conoscenze, va da sé che la soluzione di Massa Carrara, adottata probabilmente nelle migliori intenzioni, ha una falla: non si può negare un pezzo di istruzione solo ad alcuni, quale che sia il criterio con cui scelgono gli eletti e gli esclusi. Se la gita è scuola non può essere riservata ad alcuni. O si riesce a farla per tutti o non si fa per nessuno, anche perché c'è il rischio di far finire tra gli esclusi anche i disagiati che avrebbero più bisogno di inclusione. A maggior ragione se il criterio di esclusione/inclusione non era noto dall’inzio.

Non possiamo però nasconderci dietro a un dito, sappiamo quali sono le difficoltà pratiche di questo tempo storico: da un lato i docenti non sono obbligati ad accompagnare in gita minorenni facendosi carico di una responsabilità penale e civile aggiuntiva; dall’altro il problema si pone sempre più spesso anche a causa di alunni, soprattutto se in età critica, poco avvezzi al rispetto delle regole e poco interessati al lato istruttivo della faccenda.

Non sono pochi gli insegnanti che, al ritorno, raccontano della componente istruttiva del viaggio svuotata di senso dall’insofferenza di ragazzi che vedono il percorso da un museo all’altro come il prezzo da pagare distrattamente alla conquista, più o meno clandestina, di una notte brava che i docenti devono fronteggiare assumendosi il carico di imbarazzanti “ronde” notturne per i corridoi degli alberghi volte ad assicurarsi che gli accompagnati sotto la loro responsabilità non si facciano troppo male o non ne combinino di troppo grosse.

Quando la gita si riduce a questo, va da sé, di istruttivo non resta molto e a quel punto non è una grande perdita se la scuola – anche per non avvitarsi in criteri opinanili o in infinite contestazioni - decide che si rimane tutti sui banchi a studiare e a meditare. 

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%