logo san paolo
lunedì 20 febbraio 2017
 
I corsi della Diocesi
 

I preti di Milano a lezione di Islam

21/01/2015  Sono circa 100 mila i musulmani a Milano mentre il 25 per cento di bambini che frequentano l'oratorio è di fede islamica. Dopo i fatti di Parigi, la Diocesi ambrosiana organizza un ciclo di incontri riservato a sacerdoti ed educatori per conoscere il mondo islamico

A Milano i musulmani sono circa 100 mila. Non pregano in moschea, perché ufficialmente non ce n’è una, ma in vari luoghi disseminati nella città, dalla Comunità sciita Ahl Al-Bait di via Tolstoj alla Casa della cultura islamica di viale Jenner, finita in passato nel mirino di polemiche, fino all’Associazione islamica di via Padova e il Coreis di via Meda. Solo alle porte della città, a Segrate, c’è una moschea vera e propria che fa capo al Centro islamico. Insomma, una città nella città.

Molti di loro frequentano anche gli oratori e le comunità cristiane. Conoscere queste persone, al di là della contingenze quotidiane, è imprescindibile. Soprattutto dopo i fatti di Parigi che hanno ridato fiato ad estremismi e semplificazioni e nei dibattiti è tornato in auge il tema dell’Islam moderato.
Per questo, la Diocesi di Milano ha deciso di proporre ai propri sacerdoti un ciclo di incontri per affrontare alcuni di questi temi. Gli appuntamenti, informa l’ufficio stampa della Curia, si tengono presso la parrocchia di Santa Maria Incoronata (corso Garibaldi 116, Milano) a partire da mercoledì 21 gennaio e poi proseguiranno il 28 gennaio, 4, 11 e 25 febbraio, 4, 18 e 25 marzo, 8 e 15 aprile.

«Di fronte a quanto sta succedendo e che coinvolge in maniera tragica e disumana molte persone di fede diversa dalla nostra non possiamo evitare di porci alcuni interrogativi senza trincerarci dietro il politicamente corretto. Non si tratta banalmente di assumere un atteggiamento politicamente corretto: i pregiudizi e le precomprensioni fanno parte del gioco», osserva Paolo Branca, islamista, docente di Lingua e letteratura araba all’Università cattolica e responsabile dei rapporti con l’Islam per la Diocesi ambrosiana. Il corso è riservato ai parroci e ai sacerdoti responsabili degli oratori, agli educatori.

Secondo la ricerca, “Educare generando futuro. I minori di origine straniera in Oratorio: dall’integrazione alla condivisione”, realizzata lo scorso anno da Ismu, Fondazione Oratori Milanesi, Caritas Ambrosiana e dall’Ufficio Pastorale Migranti della Diocesi quasi un terzo dei bambini che frequentano le attività dell’oratorio nella Diocesi di Milano è di origine straniera; tra questi il 60% è di fede cattolica, il 25% è di fede islamica, il resto di altre confessioni cristiane. Non solo, ma a Milano aumentano i Centri culturali islamici di varia tradizione e numerose sono le richieste di tanti sacerdoti e laici di formarsi sulla pastorale interreligiosa, specialmente islamo-cristiana.  

«La Chiesa ambrosiana da 25 anni è impegnata nel dialogo con l’Islam e le altre fedi», spiega don Giampiero Alberti collaboratore del servizio per l’ecumenismo e i dialogo della Diocesi di Milano.
«Oggi proprio la frequentazione, a vario titolo, delle nostre comunità da parte anche di cittadini di fede islamica, può essere un’occasione storica preziosa per favorire quella comprensione e integrazione che sono la sola strada per una positiva e proficua convivenza a partire da una sempre più approfondita conoscenza».  

Multimedia
Il monastero del dialogo con l'islam
Correlati
Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
14
scrivi

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo