logo san paolo
lunedì 19 febbraio 2018
 
Il teologo risponde
 

I requisiti perché un matrimonio sia dichiarato nullo

04/02/2018  Un lettore chiede quali siano i criteri di nullità di un matrimonio per la Sacra Rota. La risposta del teologo

LETTERA FIRMATA - Quali sono i requisiti perché il matrimonio sia dichiarato nullo dalla Sacra Rota?

Il matrimonio è valido a tre condizioni: che il consenso sia espresso in modo consapevole e libero, che le persone non siano soggette a impedimenti dirimenti non dispensati e che la celebrazione avvenga nella forma canonica prevista. Sarebbe ora necessario spiegare quali difetti viziano il consenso, quali sono gli impedimenti dirimenti e qual è la forma canonica richiesta, ma è un discorso troppo lungo per essere contenuto nella brevità di queste risposte. Per questo suggerisco due sussidi. Il primo, molto breve ma suffficiente, è di Francesco Bersini: È nullo il mio matrimonio? (Edizioni Paoline); il secondo, più ampio, è di Geoffrey Robinson: Matrimonio, divorzio e nullità. Guida al processo di nullità matrimoniale nella Chiesa cattolica (Edizioni Messaggero). Ma sono da completare con il motu proprio Mitis judex Dominus Jesus, in cui l’attuale Pontefice presenta le nuove norme sul processo di nullità del matrimonio, che può essere dichiarato nullo anche per via extragiudiziale.

Catechismo della Chiesa cattolica. Edizione speciale con nuovi commenti

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo