logo san paolo
venerdì 24 novembre 2017
 
 

Il dialogo tra cattolici e luterani

06/11/2017 

ROBERTO B. - Che dire, dopo 500 anni, del riavvicinamento ai luterani?

Oltre i gesti e le parole di papa Francesco, si sono compiuti importanti passi avanti da entrambe le parti per una migliore comprensione delle ragioni dell’altro. Segnalo la dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione del 31 ottobre 1999, alla quale il 5 luglio 2017 ha aderito la Comunione mondiale delle Chiese riformate e il documento Dal conflitto alla comunione, sottoscritto dalla Commissione congiunta evangelico-luterana/cattolico- romana per l’unità del 2013. Quanto alle intenzioni di Lutero, restano significative le parole di Benedetto XVI a Erfurt il 23 settembre 2011: «“Come posso avere un Dio misericordioso?”. Che questa domanda sia stata la forza motrice di tutto il suo cammino mi colpisce sempre nuovamente nel cuore. Chi, infatti, oggi si preoccupa ancora di questo, anche tra i cristiani? [...] Quasi tutti presupponiamo in pratica che Dio debba essere generoso e, alla fine, nella sua misericordia, ignorerà le nostre piccole mancanze. Ma sono veramente così piccole le nostre mancanze? Non viene forse devastato il mondo a causa della corruzione dei grandi, ma anche dei piccoli, che pensano soltanto al proprio tornaconto?». Incontrare Lutero oggi può significare per tutti i cristiani avvertire l’attualità e la pregnanza di questi interrogativi.

I vostri commenti
17
scrivi

Stai visualizzando  dei 17 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo