logo san paolo
martedì 20 novembre 2018
 
dossier
 

Il Papa ai familiari di Asia Bibi e alla vittima di Boko Haram: "Siete martiri, prego per voi"

24/02/2018  Le parole del papa ai cristiani vittime di persecuzioni: un'udienza riservata con i familiari di Asia Bibi e con una ragazza ex prigioniera di Boko Haram.

Un'udienza privata, delicata e toccante durante  la quale papa Francesco ha ricevuto il marito e la figlia di Asia Bibi e Rebecca, una ragazza nigeriana vittima di Boko Haram, in questi giorni ospiti di Acs, Aiuto alla Chiesa che soffre. Un incontro durante il quale il Papa ha epressamente pregato per Asia Bibi e per le donne ancora oggi prigioniere di Boko Haram. «La testimonianza di Rebecca e quella di Asia Bibi rappresentano un modello per una società che oggi ha sempre più paura del dolore. Sono due martiri», ha affermato il Papa dopo aver ascoltato il drammatico racconto delle violenze subite dalla donna nigeriana che ha dato alla luce il figlio di uno dei suoi carcerieri, e quello dei familiari di Asia Bibi, la donna pachistana dal 2009 in carcere e condannata a morte per blasfemia. «Penso molto spesso a tua madre e prego per lei», ha detto il Papa ad Eisham che salutando il Pontefice lo ha abbracciato. «Quando prima di partire ho incontrato mia madre mi ha chiesto di darle un bacio». «Santo Padre – ha aggiunto il marito di Asia, Ashiq – le chiedo di pregare, uniti in Cristo, per mia moglie e per tutti i cristiani perseguitati».

Multimedia
Il Papa all'udienza con gli sbandieratori di Arezzo, poi l'incontro con i familiari di Asia Bibi
Correlati
I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo