logo san paolo
giovedì 18 ottobre 2018
 
dossier
 

Papa Francesco: «La Chiesa non è come una squadra di calcio, che si abbandona se retrocede»

19/09/2018  «Santo Padre: ai suoi inizi, la Chiesa era onnipresente nella società, era un modello. Oggi, la società si è evoluta. La Chiesa ha ancora una sua collocazione? E a che cosa serve? Perché impegnarsi in un’istituzione che a volte mi sembra senza senso?» La risposta di Francesco

Ho un’altra domanda, Santo Padre: ai suoi inizi, la Chiesa era onnipresente nella società, era un modello da seguire. Oggi, la società si è evoluta e la Francia è un Paese laico nel quale il numero dei cristiani è fortemente diminuito. La Chiesa ha ancora una sua collocazione? E a che cosa serve? Per questo Le domando, Santo Padre: perché impegnarsi in un’istituzione che a volte mi sembra senza senso e senza collocazione?

Papa Francesco:

La tua domanda è molto realistica, molto realistica. Mi fa pensare a un tifoso del calcio che è ingaggiato in una squadra e la squadra incomincia a andare giù, giù, giù, e si domanda: come faccio a stare in questa squadra? Forse lui dice: no, non va, cambio squadra. Se non ha una passione grande per quella squadra, ma ha la passione per il calcio, sceglie un’altra squadra che giochi meglio. Cambia squadra, cambia istituzione. Ma l’appartenenza alla Chiesa, prima di tutto, non è un’appartenenza a un’istituzione, è un’appartenenza alla persona, a Gesù. Alla Domenica delle Palme Gesù era in trionfo; quando ha fatto la moltiplicazione dei pani volevano farlo re – una bella istituzione quella! – ma il Venerdì Santo era crocifisso. Si tratta di seguire Gesù, non seguire le conseguenze di Gesù. Non le conseguenze sociali: se è grande la chiesa o se è piccola…, no, ma Gesù. Seguirlo nei momenti tranquilli, quando la Chiesa fiorisce; e seguirlo nel momento in cui la Chiesa è in crisi. Prendi la storia della Chiesa: con la Chiesa è andata così. La Chiesa non l’hanno portata avanti grandi organizzazioni, grandi partiti politici, grandi istituzioni…. No. La Chiesa è stata portata avanti dai santi. E al giorno d’oggi saranno i santi a portarla avanti, non noi, neppure il Papa. No, i santi. Loro fanno strada davanti a noi. E perché i santi? Perché seguono Gesù. La fede non è una idea: è un incontro con Gesù. Io ti auguro che questo incontro ti accompagni tutta la vita.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo