logo san paolo
lunedì 20 novembre 2017
 
Lettere in redazione
 

«Al Papa sta a cuore l'accoglienza, ma vorrei parlasse più dei cristiani perseguitati»

09/11/2017  «I primi a doversi indignare delle persecuzioni verso i cristiani dovrebbero essere gli uomini della Chiesa cattolica. Invece vedo che Francesco ama soffermarsi di più sul rispetto del creato o sull’aiuto agli ultimi. Sono confusa». Risponde il direttore di Famiglia Cristiana: «Fede e carità, insieme. Anche se, come scrive san Paolo, la più grande di tutte è la carità»

Caro don Antonio, di cristiani perseguitati nel mondo ce ne sono tanti. Che si tratti di sistematica persecuzione verso un credo religioso è un dato di fatto che solo un cieco non vedrebbe, eppure sembra che il nostro Pontefice faccia fatica a parlare dell’argomento. Tutto questo mi lascia con l’amaro in bocca, perché i primi a doversi indignare e a dover reagire contro questo scempio sono i cristiani! Papa Francesco ama, al contrario, soffermarsi su temi quali il rispetto del Creato, l’accoglienza, l’aiuto agli ultimi. Ma non si può ridurre il cristianesimo a una onlus: ce ne sono tante che possono affermare su per giù gli stessi concetti. La fede senza le opere è morta, ma non si può ridurre il cristiano a una semplice persona caritatevole e generosa.

MARA IAPOCE

«Anche oggi in varie parti del mondo, a volte in un clima di silenzio – non di rado silenzio complice –, tanti cristiani sono emarginati, calunniati, discriminati, fatti oggetto di violenze anche mortali, spesso senza il doveroso impegno di chi potrebbe far rispettare i loro sacrosanti diritti». Lo ha detto papa Francesco nell’omelia del 29 giugno scorso.

Più di recente, il 12 ottobre, nella basilica di Santa Maria Maggiore, ha detto che oggi «noi viviamo un’altra guerra mondiale, anche se a pezzi. E vediamo tanti nostri fratelli e sorelle cristiani delle Chiese orientali sperimentare persecuzioni drammatiche e una diaspora sempre più inquietante». Su queste situazioni «nessuno può chiudere gli occhi», ha aggiunto.

Sono solo due tra gli innumerevoli esempi in cui il Papa denuncia la persecuzione dei cristiani, invita a pregare per loro e chiede l’attenzione della comunità internazionale. Perché a te, Mara, sembra che Francesco non parli mai di questo? Non ho una risposta. Forse certe impressioni derivano dai media tramite i quali ci si informa o dalla cosiddetta lettura selettiva, che ci fa notare solo quello che c’è già nella nostra mente.

Comunque è vero: la Chiesa non è una onlus, e tuttavia, cattolicamente, è giusto seguire l’«et-et» («e-e») e cioè sia la fede che la carità. Anche se, come scrive san Paolo «la più grande di tutte è la carità» (1Cor 13,13).

I vostri commenti
42
scrivi

Stai visualizzando  dei 42 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo