logo san paolo
mercoledì 19 giugno 2019
 
dossier
 

«Siate liberi, non ossessionati dal potere, vicini alla gente»

10/11/2015  E' questa la Chiesa italiana che sogna Bergoglio come lui stesso ha detto ai 2500 delegati del quinto Convegno ecclesiale nazionale. Un discorso lungo e appassionato, il suo. Una visione profetica che rimanda a tre dimensioni di un nuovo, auspicato umanesimo: l'umiltà, il disinteresse, la beatitudine. Un intervento programmatico, preceduto da testimonianze toccanti. Stamattina a Prato, la condanna del lavoro nero.

Una donna che sceglie il battesimo da adulta, nella Pasqua 2015, assieme alla sua bambina, due coniugi reduci da due fallimenti matrimoniali poi risolti nell’annullamento,  un giovane albanese profugo in Italia dai nove anni poi diventato cattolico e sacerdote. Francesca Massarelli, piemontese delle Valli di Lanzo; i romani Pierluigi e Gabriella Proietti, separati e risposati; don Bledar Xhuli, un albanese arrivato clandestino a Firenze, presentano al Papa il volto di una Chiesa italiana che non è da “mulino bianco”. Una Chiesa viva e complessa, dove trovano spazio le storie concrete di chi ha versato lacrime , di chi ha sofferto, di chi ha trovato consolazione.

Nella Cattedrale di Firenze, sotto il grande affresco dell’Ecce Homo, la Chiesa italiana porta le sue ferite e le sue speranze. Il Papa l’abbraccia e detta la sua linea. Un discorso lunghissimo, ma non astratto. Bergoglio spazza via i ragionamenti teorici e le parole vuote. Per andare al cuore del Vangelo. Per dire alla Chiesa italiana che testimoniare la fede vuol dire ripartire dai poveri e fuggire il potere. Che essere Chiesa significa camminare insieme pastori e popolo, dialogando anche con chi non la pensa come noi, senza temere il conflitto e senza cercare il proprio interesse.

Il papa indica tre atteggiamenti da avere -  umiltà, disinteresse e beatitudine - e due tentazioni da fuggire: il pelagianesimo e lo gnosticismo.

«Umiltà, disinteresse, beatitudine», dice Francesco, « dicono qualcosa anche alla Chiesa italiana che oggi si riunisce per camminare insieme in un esempio di sinodalità. Questi tratti ci dicono che non dobbiamo essere ossessionati dal “potere”, anche quando questo prende il volto di un potere utile e funzionale all’immagine sociale della Chiesa. Se la Chiesa non assume i sentimenti di Gesù, si disorienta, perde il senso. Se li assume, invece, sa essere all’altezza della sua missione. I sentimenti di Gesù ci dicono che una Chiesa che pensa a sé stessa e ai propri interessi sarebbe triste. Le beatitudini, infine, sono lo specchio in cui guardarci, quello che ci permette di sapere se stiamo camminando sul sentiero giusto: è uno specchio che non mente».

Ma per non smarrire la rotta bisogna evitare, appunto di cadere nel pelagianesimo, cioè nel cercare nelle strutture e nelle pianificazioni la fiducia e la sicurezza. «La norma dà al pelagiano la sicurezza di sentirsi superiore, di avere un orientamento preciso», dice Francesco in un passaggio più volte interrotto dagli appalusi. «In questo trova la sua forza, non nella leggerezza del soffio dello Spirito. Davanti ai mali o ai problemi della Chiesa è inutile cercare soluzioni in conservatorismi e fondamentalismi, nella restaurazione di condotte e forme superate che neppure culturalmente hanno capacità di essere significative. La dottrina cristiana non è un sistema chiuso incapace di generare domande, dubbi, interrogativi, ma è viva, sa inquietare, sa animare. Ha volto non rigido, ha corpo che si muove e si sviluppa, ha carne tenera: la dottrina cristiana si chiama Gesù Cristo».

E sullo gnosticismo aggiunge: «Esso porta a confidare nel ragionamento logico e chiaro, il quale però perde la tenerezza della carne del fratello».

Il Papa richiama l'Italia, terra di navigatori, santi e poeti, a non aver paura di prendere il largo, a guardare all'esempio di umiltà dei suoi testimoni, da San Francesco a Filippo Neri, ad attingere alla sua creatività. E invita i pastori a tenere ben saldo il rapporto con il popolo, a camminare in sinodalità, dialogando per il bene comune e non negoziando per avere il proprio pezzo della torta.

«Mi piace una Chiesa italiana inquieta», è uno dei passaggi forti del discorso del Papa, una Chiesa «sempre più vicina agli abbandonati, ai dimenticati, agli imperfetti. Desidero una Chiesa lieta col volto di mamma, che comprende, accompagna, accarezza. Sognate anche voi questa Chiesa, credete in essa, innovate con libertà. L’umanesimo cristiano che siete chiamati a vivere afferma radicalmente la dignità di ogni persona come Figlio di Dio, stabilisce tra ogni essere umano una fondamentale fraternità, insegna a comprendere il lavoro, ad abitare il creato come casa comune, fornisce ragioni per l’allegria e l’umorismo, anche nel mezzo di una vita tante volte molto dura».

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%