logo san paolo
sabato 21 gennaio 2017
 
Le parole di Francesco
 

Il Papa: «L’udienza è gratis, chi vi chiede soldi è un delinquente»

11/01/2017  Papa Francesco mette in guardia i fedeli da «furboni e delinquenti» che vendono biglietti per le udienze generali in Vaticano: «I biglietti sono sempre gratis, attenti ai truffatori». Poi dedica la catechesi agli idoli: «La speranza va riposta in Dio, che non delude, e non negli idoli, come il denaro, il potere e l’ideologia, tutte fantasie che conducono alla morte»

Nella catechesi dell’udienza generale papa Francesco mette in guardia dall’attaccamento alle false speranze e agli idoli, tra cui il denaro, e un po’ a sorpresa, avverte personalmente i fedeli di diffidare da quei «furboni e delinquenti», così li chiama, che vendono biglietti per le udienze generali in Vaticano che sono sempre gratis. «Devo dirvi una cosa che non vorrei dirla, ma devo dirla, - ha detto nell’aula Paolo VI, davanti a oltre seimila persone - per entrare alle udienze ci sono i biglietti di entrata, è scritto nei biglietti: in una, due, tre, quattro, cinque e sei lingue si dice “il biglietto è del tutto gratuito”, per entrare in udienza sia in aula che in piazza non si deve pagare, è gratuita è una visita gratuita che si fa al Papa per parlare con il Papa, con il vescovo di Roma, ma ho saputo che ci sono dei furboni eh, che fanno pagare i biglietti, se qualcuno vi dice che per andare in udienza dal Papa c'è bisogno di pagare qualcosa, ti stanno truffando, stai attento, stai attenta, questo è gratuito, qui si viene senza pagare perché questa è casa di tutti e chi dice di far pagare, questo è un reato, non so, ma quell'uomo e quella donna è una delinquente, questo no si fa, capito?».

Proliferano molti siti, in varie lingue, che vendono ticket fasulli anche a 40 dollari per partecipare alle udienze mentre sul sito vaticano della Prefettura della Casa Pontifica (che gestisce si specifica espressamente «che i biglietti d'invito alle Udienze ed alle Cerimonie del Santo Padre sono sempre gratuiti».

L’annuncio “anti bagarini” del Papa è stato molto applaudito dai fedeli ai quali il Pontefice ha rivolto l’invito a fidarsi di Dio anche se, ammette, può arrivare il momento in cui, scontrandosi con le difficoltà della vita, l’uomo sperimenta «la fragilità di quella fiducia e il bisogno di sicurezze tangibili. Lì è il pericolo», dice: quando si è tentati di cercare consolazioni effimere, che sembrano lenire “la fatica del credere”: «E pensiamo di poterle trovare nella sicurezza che può dare il denaro, nelle alleanze con i potenti, nella mondanità, nelle false ideologie. A volte le cerchiamo in un dio che possa piegarsi alle nostre richieste e magicamente intervenire per cambiare la realtà e renderla come noi la vogliamo; un idolo, appunto, che in quanto tale non può fare nulla, impotente e menzognero. Ma a noi piacciono gli idoli, ci piacciono tanto»..

I veggenti di Buenos Aires

Per spiegare l'attaccamento agli idoli e alle false speranze, papa Francesco ha raccontato un episodio circa i veggenti, cui ha assistito a Buenos Aires, e ha ricordato il film Miracolo a Milano: «che faccia, che naso, che bello, e cento lire, e ti fa pagare per avere la falsa speranza». «Una volta a Buenos Aires - ha raccontato - dovevo andare in una chiesa, mille metri più o meno, e l'ho fatto camminando, c'è un parco in mezzo e nel parco c'erano piccoli tavolini, ma tanti eh, tanti, dove c'erano seduti i veggenti, ma c'era pieno di gente, anche facevano la coda erano tanti, gli dava la mano e lui cominciava il discorso, sempre lo stesso 'c'è un uomo nella tua vita, una donna, c'è un'ombra, ma tutto andrà bene e poi pagavi, ma questo dà sicurezza, ma, permettetemi la parola, è una stupidità, 'sono andato dalla veggente mi ha tirato le carte, io so che nessuno di voi fa queste cose, - ha detto sorridendo - mi fa pensare a quel film Miracolo a Milano: ti fa pagare per avere una falsa speranza e noi siamo tanto attaccati, compriamo false speranze, e quella che è la speranza della gratuità di Cristo che ha dato la vita per noi, quella non ci piace tanto».

Poi il Papa racconta un altro aneddoto dei suoi anni in Argentina: «È brutto sentire, e fa dolore, dolore all'anima quello che una volta, anni fa ho sentito nell'altra diocesi (a Buenos Aires, ndr), una donna molto bella, molto bella, e si vantava della bellezza, e commentava come se fosse naturale “eh sì, ho dovuto abortire perché la mia figura è molto importante”, così. Questi - ha sottolineato il Pontefice - sono gli idoli e ci portano sulla strada sbagliata e non ci danno felicità».

Papa Francesco ha contrapposto la fiducia in Dio alla fiducia negli idoli, «simulacri muti», le ideologie con la loro pretesa di assoluto, le ricchezze, eh, questo è un grande idolo, eh, il potere e il successo, la vanità, con la loro illusione di eternità e di onnipotenza, valori come la bellezza fisica e la salute, quando diventano idoli a cui sacrificare ogni cosa, sono tutte realtà - ha ammonito - che confondono la mente e il cuore, e invece di favorire la vita conducono alla morte».

Infine, ha detto il Papa che se si ripone la speranza negli idoli, si diventa come loro: immagini vuote con mani che non toccano, piedi che non camminano, bocche che non possono parlare: «Non si ha più nulla da dire, si diventa incapaci di aiutare, cambiare le cose, incapaci di sorridere, di donarsi, incapaci di amare. E anche noi, uomini di Chiesa, corriamo questo rischio quando ci “mondanizziamo”. Bisogna rimanere nel mondo ma difendersi dalle illusioni del mondo, che sono questi idoli che ho menzionato».

Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
13
scrivi

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo