logo san paolo
lunedì 28 maggio 2018
 
dossier
 

Quanti sbadigli davanti al "piccione d'oro"

07/09/2014  In un'edizione della Mostra con molti film di alta qualità, la vittoria dello svedese Roy Andersson con "Un piccione su un ramo" ha destato molte perplessità. Specie tra il pubblico che ieri sera dopo la proiezione lo ha fischiato. L'Italia porta a casa per il secondo anno la Coppa Volpi con Alba Rohrwacher.

Alba Rohrwacher con la Coppa Volpi. Nella foto di copertina, il regista Roy Andersson con il Leone d'Oro
Alba Rohrwacher con la Coppa Volpi. Nella foto di copertina, il regista Roy Andersson con il Leone d'Oro

Dopo mezz'ora dall'inizio della proiezione del film "Un piccione seduto sul ramo riflette sull'esistenza" alla sala Darsena del Lido di Venezia un terzo del pubblico dormiva della grossa, l'altro terzo sbadigliava per non crollare e l'ultimo terzo era convinto di vedere un capolavoro che giustamente era stato premiato con il Leone d'Oro. Alla fine, quando da quest'ultima porzione sono partiti degli applausi, dal fondo della sala una decina di novelli Fantozzi, come nella celeberrima scena della Corazzata Potemkin, si sono alzati in piedi e li hanno subissati di fischi liberatori. 

Ora, folklore a parte, ma in un'edizione in cui finalmente la qualità media dei film in gara è stata davvero buona perché dare il massimo riconoscimento a un'opera così dichiaratamente ostile al grande pubblico? D'accordo, ci poteva stare non premiare "Il principe favoloso" di Martone dopo il Leone d'oro dell'anno scorso dato all'italiano "Sacro Gra" (anche se la prova di Elio Germano è a nostro avviso superiore a quella del vincitore Adam Driver, così come quella di Willem Dafoe, mimetico Pasolini), ma c'era un film che alla vigilia aveva messo d'accordo tutti, Birdman di Inarritu, con Michael Keaton, e che è stato totalmente ignorato dai giurati. I quali hanno tutto il diritto di premiare opere difficili, sperimentali (anche se i film girati con la macchina da presa immobile e in ambienti spogli, solo per restare al cinema nordico, li faceva già Dreyer cinquant'anni fa), ma poi non ci si potrà lamentare se Venezia si trasformerà sempre più in una Mostra d'élite, dove le grandi star si tengono alla larga e, di conseguenza, il pubblico.

Più nel merito il film di Andersson è costituito da una sequenza di episodi, alcuni conclusi, altri in cui sono presenti dei personaggi che ritorneranno nei successivi. I primi tre con il loro umorismo nero sono spassosissimi. Ma dopo un po' le vicende dei due venditori di scherzi di carnevale o dei soldati dell'Ottocento che piombano in un bar con cui il regista mira a "creare una tensione tra il banale e l'essenziale, tra il comico e il tragico, per illustrare la natura dialettica e dinamica dell'esistenza dando forma all'idea che l'umanità si stia potenzialmente dirigendo verso l'apocalisse, ma anche che il risultato finale è nelle nostre mani"  si avvitano su se stesse e l'ironia glaciale che le pervade non è sufficiente ad allontanare la noia.

Tornando a noi, c'è da registrare che per la prima volta tutti i nostri film in gara, e anche quelli delle sezioni collaterali, hanno ricevuto in genere buoni apprezzamenti, anche dalla stampa straniera. E questo è un ottimo segnale di vitalità per il nostro cinema con la ciliegina sulla torta della seconda Coppa Volpi consecutiva data a un'italiana: dopo Elena Cotta ora è la volta di Alba Rohrwacher, premiata per la sua intensa interpretazione di una madre vegana che mette in pericolo la salute di suo figlio in Hungry Hearts, film del suo compagno Saverio Costanzo. Insieme sono già volati a Toronto per presentarlo pure lì. Insomma, il bilancio complessivo di questa 71ma Mostra è ampiamente positivo, piccioni a parte.

Multimedia
Quando gli operai lavoravano ascoltando Rossini
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo