logo san paolo
giovedì 27 giugno 2019
 
Oltre i propri limiti
 

Il primo supereroe su una sedia a rotelle

09/03/2017  Un ragazzo afgano, paralizzato dopo l'esplosione di una bomba, dopo essere stata adottato da una coppia americana, ha realizzato un fumetto in cui il protagonista è un eroe disabile che combatte pacificamente per portare la pace nel mondo

Mohammad Sayed aveva solo 5 anni quando fu colpito da una bomba in Afghanistan, dove viveva. Una deflagrazione violenta che lo rese paralizzato. Pochi giorni dopo la disgrazia perse la mamma per un tumore e fu abbandonato dal padre in un ospedale di Kabul. Qui Mohammad crebbe da solo, senza perdersi d’animo, imparando l’inglese dalla Bbc, ingegnandosi con piccoli lavoretti di elettronica e proponendosi come traduttore di farsi. Poi, nove anni dopo, un incontro fortunato con una donna americana che lavorava come infermiera nel suo paese e che decise di adottarlo. Iniziò così una nuova vita per lui, che si trasferì a Boston finalmente con una famiglia che si prendeva cura di lui.

Poi due anni fa l’illuminazione: stava seguendo una mostra di fumetto a nella sua città quando, di fronte ai tanti cosplayer vestiti da supereroi, pensò che fino ad allora nessuno aveva mai pensato a un supereroe sulla sedia a rotelle. Un supereroe speciale che invece di usare le armi, combatteva contro i cattivi facendo loro capire le conseguenze delle loro azioni. Perché nel frattempo il ragazzo, ora diciannovenne, si era appassionato alle vite di personaggi come Gandhi e Martin Luther King, testimoni  di pace e non violenza. È nato così Wheelchair Man, ispirato alla sua vita: è un adolescente, immigrato e musulmano, che lotta contro l’odio e vuole rendere il mondo un posto migliore. Lui scrive le storie, e i disegni sono dell’artista Arielle  Epstein.

«In Afghanistan non abbiamo supereroi, questo è il primo. Quindi penso che un sacco di bambini afgani quando lo leggeranno saranno molto colpiti», ha detto Mohammad. Il ragazzo ha  raccolto i fondi per realizzare questa storia sul sito crowd-sourcing GoFundMe. Il suo obiettivo è quello di diffonderne copie negli ospedali e nei centri di riabilitazione di tutto il mondo. Egli ha anche in programma di realizzare un franchise che comprende personaggi come capitano Afghanistan, e un'eroina sulla sedia a rotelle.

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%