logo san paolo
domenica 25 agosto 2019
 
 

Immigrati, l'economia ringrazia

29/05/2011  Incidono per circa il 10 per cento sul totale degli occupati e per l'11 per cento sul Pil, pagano quasi 11 miliardi di euro di contributi previdenziali. Un convegno dell'Abi.

Gli immigrati scelgono gli istituti di di credito per inviare a casa cifre superiori ai mille euro. Nel 2009, il volume complessivo di rimesse dall'Italia verso l’estero è stato di 210,05 milioni, per un totale di 92.020 operazioni. Lo documenta il Rapporto 2010 firmato dall'Associazione bancaria italiana (Abi) e dal Cespi (Centro studi di politica internazionale). Il valore medio di queste transazioni è stato di 1.543 euro, quasi sette volte la media internazionale (circa 223 euro). Più di recente, un'indagine della Banca d'Italia ha evidenziato i principali Paesi di destinazione per il periodo 2005-2011: in testa alla classifica c'è la Cina, con il 25 per cento delle operazioni di trasferimento di denaro. Per il resto, le rimesse risultano finire soprattutto in Romania (al secondo posto), Filippine, Marocco, Senegal, Brasile, Bangladesh, Albania, Perù, Ecuador.


Dunque, non sono solo braccia utili (e spesso sfruttate): fanno molto di più che svolgere compiti faticosi e poco gratificanti, che noi italiani rifiutiamo con sdegno. Gli immigrati rappresentano una risorsa per l'Italia. Anche e soprattutto dal punto di vista economico. Si tratta, infatti, di 5 milioni di persone che incidono per circa il 10 per cento sul totale degli occupati, contribuiscono per l'11 per cento alla formazione del Prodotto interno lordo, il Pil, ovvero la ricchezza complessiva nazionale, pagano quasi 11 miliardi di euro di contributi previdenziali e dichiarano al fisco oltre 33 miliardi di euro. Non solo: il 3,5 per cento delle imprese operanti nel nostro Paese ha il titolare straniero. 

A fotografare la realtà è  l'Abi, l'Associazione bancaria italiana, che per il secondo anno organizza un convegno su «Immigrati e inclusione finanziaria: fatti e prospettive in un contesto che cambia». L'incontro si svolgerà a Roma, a Palazzo Altieri, il 14 giungo prossimo. L'evento, organizzato in collaborazione con il Cespi, è l'occasione per presentare i risultati di una nuova ricerca che analizza la relazione dei migranti con le banche su diversi versanti, dall'accesso al credito all'imprenditoria degli immigrati, dai modelli di welcome banking alla microfinanza e alle rimesse.

Durante il convegno, inoltre, verrà formalizzata la partnership avviata con Acli, Anci, Arci, Caritas Italiana, Cespi, Ciss Sud Sud, Unhcr- Agenzia Onu per i rifugiati, con l'obiettivo di sviluppare strumenti utili a favorire l'inclusione finanziaria e sociale dei cittadini stranieri.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%