logo san paolo
lunedì 18 marzo 2019
 
 
Benessere

Influenza, come si cura

30/11/2017 

La terapia di base per l’influenza è essenzialmente sintomatica, cioè finalizzata a diminuire lo stato di malessere generale.

►Riposo nella fase acuta della malattia e per 24-48 ore dopo la scomparsa della febbre.

►Utilizzo di farmaci di automedicazione, come antistaminici contro gocciolamento nasale, starnuti e congiuntivite; vasocostrittori (contenuti negli spray nasali) contro il naso chiuso; collutori o pastiglie anti congestionanti o antisettici contro il mal di gola; sedativi, fluidificanti e mucolitici contro la tosse; antinfiammatori (antidolorifici e antipiretici) contro dolori e febbre. Va consultato il medico se le cose non migliorano o peggiorano dopo 4 o 5 giorni.

►Evitare il ricorso agli antibiotici, salvo in caso di complicanze a carico delle alte o basse vie respiratorie sostenute da batteri. Questi farmaci infatti sono attivi solo contro le infezioni batteriche e perciò nell’influenza (patologia di origine virale) non hanno alcun effetto. Usarli quando non serve può favorire nel tempo l’origine di super batteri che potranno esporci a patologie non più curabili con i medicinali attualmente a disposizione, perché resistenti alle terapie.

QUAL È LA DIFFERENZA TRA VIRUS E BATTERI

Sono entrambi microrganismi infettanti, ma tra virus e batteri esiste una profonda differenza. Mentre i primi sono parassiti e opportunisti, perché entrano nelle cellule e si impadroniscono dei loro strumenti per replicarsi, i secondi restano all’esterno e svolgono funzioni metaboliche proprie, contro le quali i farmaci hanno una maggiore capacità distruttiva.

DUE MOSSE SEMPLICI PER PREVENIRE L'INFLUENZA

  

Alcune regole di igiene e comportamentali possono aiutare a difenderci dalle principali infezioni invernali.

Lavare le mani spesso e in modo appropriato. Prima e dopo aver mangiato, dopo l’uso della toilette, dopo essersi soffiati il naso o aver tossito, dopo aver utilizzato mezzi pubblici o dopo aver toccato qualcosa di sporco, è importante lavare le mani con attenzione, assicurandosi di pulire sia il palmo che il dorso sfregandoli l’uno con l’altro, senza scordare gli spazi interdigitali.

Prestare attenzione nei luoghi affollati. I virus passano di mano in mano, viaggiano nell’aria e sopravvivono per ore sulle superfici (giochi, telefoni, maniglie, tavoli, etc), per cui – soprattutto fuori casa e nei luoghi più affollati e umidi, come metropolitane, palestre o cinema – bisogna evitare di toccarsi occhi, naso e bocca per impedire ai microrganismi di penetrare nelle mucose.

Scopri BenEssere, la rivista che pensa alla tua salute dell'anima

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo