logo san paolo
domenica 28 agosto 2016
 
 

Esclusivo: parla il cardinale Bertone

21/06/2012  Un'intervista esclusiva al segretario di Stato vaticano: lo Ior, Gotti Tedeschi, il corvo, i cardinali, il dolore del Papa.

Il cardinale Bertone con papa Benedetto XVI (questa foto e copertina: Reuters).
Il cardinale Bertone con papa Benedetto XVI (questa foto e copertina: Reuters).

E' una grande esclusiva, quella che Famiglia Cristiana offre ai suoi lettori nel numero in edicola e in parrocchia da giovedì 21 giugno: un'intervista a tutto campo con il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano.

Intervistato dal direttore don Antonio Sciortino e da Saverio Gaeta, il cardinale Bertone affronta tutti i temi più strettamente legati all'attualità. "Non ho alcun segnale", dice, "di coinvolgimento di cardinali o di lotte fra personalità ecclesiastiche per la conquista di un fantomatico potere". E sulla questione del "corvo" aggiunge: "La pubblicazione di una molteplicità di lettere e di documenti inviati al Santo Padre, da persone che hanno diritto alla privacy, costituisce, come abbiamo più volte ribadito, un atto immorale di inaudita gravità. E un vulnus a un diritto riconosciuto esplicitamente dalla Costituzione italiana, che deve essere severamente osservato e fatto osservare".

Sulle vicende relative all'allontamento di Gotti Tedeschi dalla presidenza dello Ior, il cardinale Bertone dice che "la pubblicazione degli interventi del Consiglio di sovrintendenza mostra che il suo allontanamento non si deve a dubbi interni riguardo alla volontà di trasparenza, ma piuttosto a un deterioramento dei rapporti fra i consiglieri".

Dopo aver ironicamente commentato che "molti giornalisti giocano a fare l'imitazione di Dan Brown", il segretario di Stato racconta di sé: "Io sono al centro della mischia. Vivo queste vicende con dolore ma anche vedendo costantemente al mio fianco la Chiesa reale".

Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
17
scrivi

Stai visualizzando  dei 17 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo