logo san paolo
sabato 23 giugno 2018
 
Don Antonio risponde
 

«Io, capo scout, e la mia voglia di mollare»

01/03/2018  Un lettore ci scrive: «Gli scout cattolici riescono a passare il messaggio di fratellanza e di apertura al prossimo che è alla base dello scoutismo?». La risposta di don Antonio Rizzolo

Sono un capo scout da quasi quindici anni e, per ragioni lavorative, quest’anno ho preso un anno sabbatico; cioè non faccio servizio nelle branche. Il problema nasce da un dubbio che si è acuito con i recenti fatti di Macerata: ma gli scout cattolici riescono a passare il messaggio di fratellanza e di apertura al prossimo che è alla base dello scoutismo? Tanti ragazzi e capi si fanno irretire da messaggi che mi fanno accapponare la pelle, senza capire che sono totalmente contrari ai valori che dovrebbero vivere, far propri e insegnare. Come si fa a contrastare certi messaggi che, come diceva Goebbels, ripetuti dieci, cento, mille volte diventano verità nonostante siano falsità? Riusciremo a depurarci da certi cattivi maestri? Riusciremo a fare nostri i messaggi di Gesù? Io lo spero, ma la vedo dura.

LETTERA FIRMATA

Nessuno è immune dai cattivi maestri, dai messaggi di violenza e di odio. Soprattutto quando, partendo da notizie false o parziali, spingono a creare nemici intorno a noi, a vedere solo il male, a far crescere la paura. Da quanto mi scrivi, non sono immuni nemmeno coloro che hanno fatto un percorso educativo con gli scout. Ma lo stesso vale per tante persone che frequentano altre associazioni o la parrocchia.

Che cosa fare? Purificare noi stessi, i nostri pensieri, le nostre idee, tornando alle sorgenti più pure dei valori scout e prima ancora all’insegnamento del Vangelo. Lasciarci istruire dai “buoni” maestri, che non mancano anche oggi e che comunque possiamo incontrare attraverso i loro scritti. Dare per primi il buon esempio, in parole e azioni. Infine, dobbiamo avere fiducia nella forza del bene, che si scopre in particolare nell’incontro con l’altro: quando lo si guarda in faccia non è più un nemico, ma una persona.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo