logo san paolo
domenica 22 settembre 2019
 
Impresa
 

Ravenna scende in piazza per raccontare l'Inferno di Dante

25/05/2017  Questa sera inaugura il festival cittadino uno spettacolo originale e potente, ideato da Marco Martinelli ed Ermanna Montanari: l'intera comunità è chiamata a farsi parte della rappresentazione, un viaggio fisico e simbolico al tempo stesso. E 700 cittadini reciteranno accanto agli attori professionisti...

LA CITTA' DIVENTA PALCOSCENICO  

Non poteva esserci un inizio più potente e simbolico per il Ravenna Festival: questa sera alle 20 andrà in scena la prima di Inferno. Chiamata pubblica per la Divina Commedia di Dante Alighieri. Uno spettacolo commissionato dal festival a Marco Martinelli ed Ermanna Montanari che, prima ancora che registi, autori e attori teatrali, sono degli intellettuali a cui sta a cuore, sopra ogni altra cosa, la comunità, al cui benessere intendono contribuire, appunto, con la loro concezione moderna e innovativa di drammaturgia. 

Il progetto che inaugura Ravenna Festival è di grande significato e fascino. Marco Martinelli ed Ermanna Montanari hanno raccolto la terribile sfida di tradurre in linguaggio teatrale il capolavoro donatesco, fondamento della lingua e della civiltà italiane. E, naturalmente, lo hanno fatto a modo loro. Anzitutto hanno pensato l'opera dantesca nei termini della sacra rappresentazione medievale e del teatro di massa di Majakovskij. Ne deriva che l'intera città di Ravenna si trasformerà in un palcoscenico. E qui viene il momento di parlare della seconda, geniale idea dei due registi: tutti i cittadini sono chiamati a partecipare, a farsi luogo, a costituirsi come comunità attraverso la poesia del sommo poeta. 

Ciò avverrà secondo una duolice modalità. Nell'Inferno interpretato dal Teatro delle Albe Dante diventa spettatore, che compie il suo viaggio - fisico e spirituale - attraverso i gironi danteschi. La sua guida, Virigilio, lo attenderà al sepolcro di Dante, nel cuore del centro storico di Ravenna, dove la rappresentazione avrà inizio: ad accogliere gli spettatori, gli stessi Martinelli e Montanari nelle vesti di custodi del luogo. Da lì, condurranno Dante e la cittadinanza fino al Teatro Rasi (peraltro già chiesa romanica di Santa Chiara, convertita in teatro alla fine dell'800) che si trasformerà per 34 giorni, come i canti dell'opera  (dal 25 maggio al 3 luglio) nell'universo dell'inferno.

Il teatro si tramuterà nelle bolge infernali e lo spettatore dovrà attraversarlo, incontrando figure simboliche, cui daranno voce e corpo gli attori delle Albe e altri attori ospiti: Paolo e Francesca, Farinata degli Uberti, Cavalcante Cavalcanti, le tre Erinni, Pier delle Vigne, Brunetto Latini, Malacoda e Malebranche, Vanni Fucci, Ulisse, il conte Ugolino.

Marco Martinelli ed Ermanna Montanari al sepolcro di Dante. In alto: due scene di "Inferno".
Marco Martinelli ed Ermanna Montanari al sepolcro di Dante. In alto: due scene di "Inferno".

CITTADINI-ATTORI IN NOME DI TUTTI NOI

Una performance ben diversa a quelle a cui siamo abituati, dunque, in cui lo spettatore è chiamato a farsi parte dello spettacolo, come suggerisce il movimento che è chiamato a compiere.

Ma non è finita, non abbiamo ancora menzionato l'aspetto forse più priginale e pregnante del progetto. Ben 700 cittadini, 600 ravennati e 100 da fuori città, hanno risposto alla "chiamata pubblica" per partecipare a Inferno e sono statui divisi in vari cori: il coro dei cittadini (canti I e II), quello “dei Soldati”, “di Paolo e Francesca” (canto V), degli “Avari e scialacquatori” (canto VII), il coro “Erinni e Arpie” (canti VIII, IX e XIII), il “Flegetonte” (canto XII), gli “Usurai, i Ruffiani e i Simoniaci” (canto XVII, XVIII, XIX), il coro dei diavoli, guidati da Malacoda (canto XXI), dei “serpenti” (canti XXIV e XXV). 

Non si tratta di un'improvvisazione, bensì dell'atto finale di una "chiamata pubblica" e di una lavoro compiuto anzitutto sul testo dantesco e poi sulla recitazione. Quei 700 cittadini-attori rappresentano tutti noi, sono lì a compiere, accanto agli attori professionisti, per noi e con noi un viaggio dentro la nostra umanità perennemente sospesa fra il pericolo di smarrirsi e l'aspirazione alla redenzione. E in questo viaggio ciascuno potrà riconoscere la propria storia e le radici culturali da cui proviene

«Quella della Divina Commedia – spiegano Marco ed Ermanna – è una sfida che culliamo dall’adolescenza, da quando, nella stessa aula scolastica del liceo Dante Alighieri di Ravenna, ascoltavamo per la prima volta la musica di quei versi. Questo è il nostro intento: misurarci con quella poesia vertiginosa senza tradirla e senza rimanerne schiacciati. Prendere seriamente l’intento dell’autore, anacronistico e presuntuoso rispetto ai nostri tempi, quando dice che scopo del suo poema è quello di indicare al lettore la via verso la “felicità”».

Anche Famiglia Cristiana parteciperà a una di queste rappresentazioni e vi racconterà l'esperienza in uno dei prossimi numeri della sua versione cartacea.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%