logo san paolo
giovedì 21 marzo 2019
 
Emergenza gioco d'azzardo compulsivo
 

La casa dove si curano le ludopatie

16/07/2013  Si chiama Pluto. E' la prima comunità terapeutica residenziale gratuita per giocatori d'azzardo patologici, appena inaugurata a Reggio Emilia da Centro sociale Papa Giovanni XXIII Onlus e Regione

Interni della struttura Pluto
Interni della struttura Pluto

Prima anche nella cura della patologia c'erano giocatori di serie A e giocatori di serie B. Quelli facoltosi potevano seguire una terapia in costose cliniche private. Tutti gli altri, la maggioranza che probabilmente aveva sperperato nel gioco d'azzardo i risparmi familiari, non avevano un luogo in cui essere ricoverati e avviare un percorso di riabilitazione.

Ora non più, grazie all'impegno di Centro sociale Papa Giovanni XXIII Onlus e Regione Emilia-Romagna. Si chiama Pluto (come il mitologico Dio del denaro) ed è appena stata inaugurata a Reggio Emilia. È la prima comunità terapeutica residenziale per giocatori d'azzardo patologici, aperta 365 giorni all'anno e completamente gratuita, grazie a una riuscita integrazione nel sociale di sistema pubblico e privato.

Qui verranno inviati dai servizi pubblici di tutta Italia i giocatori d'azzardo patologici che stanno cercando di uscire da questa forma di dipendenza sempre più diffusa in Italia. "È paradossale che proprio l'Italia, Paese tra i primi al mondo per spesa pro capite per gioco d'azzardo, non avesse ancora concesso un'opportunità di cure gratuite", sostiene Matteo Iori, presidente di Centro sociale Papa Giovanni XXIII Onlus.

Un'altra veduta interna della struttura Pluto
Un'altra veduta interna della struttura Pluto

"Da oltre 13 anni interveniamo sulla dipendenza da gioco d'azzardo", prosegue Iori, "e questo ha portato la nostra associazione ad avere in carico oltre 700 giocatori nei nostri 5 gruppi settimanali. Da sempre abbiamo lamentato l'impossibilità di accogliere le persone più gravi in un percorso residenziale, per offrire loro un trattamento più intensivo".

Dopo una sperimentazione nel 2011 e la successiva delibera della Regione Emilia-Romagna, Pluto è quindi diventata realtà. Qui saranno inviati i giocatori patologici, il cui ricovero sarà deciso in accordo con le Ausl del territorio di residenza. Pluto accoglierà un numero basso di pazienti (6 alla volta) e i ricoveri saranno brevi, da un minimo di 2 settimane a un massimo di 3 mesi.

"Le nostre attività terapeutiche saranno quelle che si sono già dimostrate efficaci durante la sperimentazione", afferma Umberto Caroni, responsabile dell'Azzardo Point del Centro sociale Papa Giovanni XXIII. "Test diagnostici specifici, colloqui individuali, gruppi psicoeducativi con una trentina di contenuti diversi, lezioni specifiche sul gioco d'azzardo e i pensieri cognitivi erronei, consulenze legali e sulle forme di sovraindebitamento. Ma anche attività culturali, ricreative e ludiche. Ovviamente senza denaro in palio".

Un deciso passo in avanti, quindi, nella cura delle nuove dipendenze, come conclude don Armando Zappolini, presidente del CNCA (Coordinamento nazionale comunità di accoglienza): "Si deve essere capaci di rispondere a nuove domande e bisogni. Bisogni che, come nel caso del gioco d'azzardo patologico, hanno assunto una rilevanza sociale tale che non possono più essere affrontati con interventi e finanziamenti spot. Va garantito il rispetto dei livelli essenziali di assistenza, con risorse e strutture permanenti adeguate".

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.libera-mente.org

I vostri commenti
19
scrivi

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo