logo san paolo
sabato 23 giugno 2018
 
Scuola
 

Se una maestra che rappresenta lo Stato in classe, insulta la Polizia in strada

01/03/2018  Il caso è sorto il 22 febbraio durante gli scontri di piazza a Torino: il video di una maestra che gridava agli agenti in tenuta antisommossa "Dovete morire" ha fatto il giro del web e la contraddizione "educativa" è finita al Miur e in Procura.

Dove finisce la libertà di espressione e dove comincia il senso del  proprio ruolo? Può una maestra dire, presumibilmente, in classe che il turpiloquio non è ammesso e poi rovesciare epiteti volgari contro gli agenti delle forze dell’ordine in piazza, un luogo pubblico dove tutti possono sentire? Può gridare “Fate schifo, dovete morire” agli agenti che in piazza rappresentano lo Stato e poi tornare in classe a rappresentare quello stesso Stato in una scuola pubblica senza cadere in contraddizione? Può farlo tenendo conto del fatto che “Siete delle m.” e “Dovete morire” tecnicamente, per lo Stato italiano, non sono espressioni qualunque, ma esempi di ingiuria e minaccia?

Può farlo tenendo conto che a scuola, come diceva Mario Lodi, i bambini fanno di fatto il loro primo incontro con lo Stato ed è una classe il primo luogo non familiare in cui sperimentano le dinamiche che rendono possibile la convivenza senza regolare a botte o a insulti ogni divergenza d’opionioni?

Non tocca a noi dire se una maestra che si comporta così meriti una sanzione disciplinare o un'indagine penale (entrambi i procedimenti sono aperti al Miur e alla Procura di Torino),  perché per questo ci sono gli organi deputati, ma quello che certamente possiamo dire è che il ruolo esige coerenza e che si pone certamente una questione di opportunità: come farà da oggi in poi quella maestra a dire a un bambino, che proverà ad apostrofare un insegnante o l’operatore che pulisce la sua classe con parole identiche a quelle usate da lei in piazza, che non è ammissibile e che non si fa?  Potrà forse provare a dirlo, ma avrà perso ogni credibilità.

Se poi invece insegnerà che la Polizia si può in insultare liberamente, anziché spiegare che lo strumento per difendersi in uno Stato democratico sono le vie legali e istituzionali e che lo sono anche quando fosse un agente a commettere abusi, avrà messo in crisi il proprio ruolo di insegnante, rinnegando le regole dello stesso Stato che rappresenta lavorando: una contraddizione difficile da sanare.

I vostri commenti
74
scrivi

Stai visualizzando  dei 74 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo