logo san paolo
sabato 23 giugno 2018
 
La lettera al N.Y. Times
 

La prof a Trump: "Anche armata e addestrata sarò la prima a morire"

25/02/2018  Mentre gli studenti Usa si mobilitano per la manifestazione del 24 marzo contro le armi, il presidente americano propone di armare gli insegnanti addestrati per prevenire le stragi delle scuole. La prof Connie gli risponde così. La lettera al New York Times è commovente.

«Insegno», scrive Connie al New York Times, il 15 febbraio del 2018 «sono professoressa in un community college in Florida, 2 ore a nord di Fort Lauderale. Un collega prima ha avuto un crollo emotivo in corridoio poco fa, in seguito alla strage di Parkland. I miei occhi si sono riempiti di lacrime durante la lezione delle 8.00 in classe, sono stata travolta dai miei sentimenti di dolore e di impotenza riguardo a Parkland. La mia classe è a piano terra, a un passo dalle due entrate dell’istituto, e ha due porte. Sto sentendo crescente difficoltà a tenere nella parte posteriore della mia mente la mia paura di essere colpita a morte mentre insegno. Molte persone, inclusi i legislatori a Tallahassee (la capitale della Florida ndr.) hanno suggerito che armare me (e gli studenti del campus) sia la risposta. NON lo è. Pensateci: non conta quante armi io abbia addosso, non conta quanto ben addestrata io sia, l’attentatore è sempre avvantaggiato: ha l’effetto sorpresa dalla sua. Sarò la prima colpita, sarò morta prima di poter sparare un colpo. Dio aiuta i miei studenti: mentre cercano le loro armi in preda allo shock, all’adrenalina, al terrore l’attentatore sta sparando in giro un caricatore dopo l’altro. E la mia lezione del mio ultimo giorno sulla terra? Un emozionata, appassionata dicussione su Gilgamesh, l’eroe della prima opera della letteratura umana: un racconto di 5.000 anni fa che parla di un re che non vuole morire».

La lettera è probabilmente la più commovente e acuta tra quelle arrivate ai giornali americani nei giorni scorsi dopo che Donald Trump, notoriamente sostenuto dalla lobby delle armi, ha liquidato come "un'immane tragedia" l'ennesima strage avvenuta in una scuola della Florida a opera di un ex studente armato, dando vista di considerare il facile approvvigionamento di armi da parte di chicchessia negli Stati Uniti un fatto scollegato dalle frequenti stragi degli innocenti nelle scuole, ai concerti e in tutti i luoghi in cui le persone si aggregano.

Nelle ore dopo la strage il presidente ha suggerito di «armare gli insegnanti» per prevenire altre stragi, per poi precisare: «insegnanti addestrati». La prof Connie, con acume e sensibilità, prova a spiegargli  che armi e addestramento non le servirebbero a salvarsi e che chi insegna ha funzioni diverse da un servizio di security.

Tag:
I vostri commenti
29
scrivi

Stai visualizzando  dei 29 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo