logo san paolo
giovedì 23 novembre 2017
 
I dubbi dei lettori
 

«L’espressione "mistero della fede" non mi piace»

02/11/2017  «Esprime qualcosa di oscuro, nascosto, pericoloso», sostiene un nostro abbonato. Risponde il teologo Sirboni

GIAMPIETRO R. Dopo la consacrazione si dice: «Mistero della fede», espressione che non mi piace perché esprime qualcosa di oscuro, nascosto, pericoloso. La sostituirei con «atto della fede» o altro.

Mistero è il termine più antico e originario per dire “sacramento”, cioè luogo dell’incontro con Dio e la sua salvezza. Incontro che trova il suo vertice in quell’Eucaristia dove, attraverso i segni conviviali del pane e del vino, Cristo si unisce sacramentalmente (cioè misteriosamente) a noi per renderci partecipi della sua “storia”, del suo sacrificio e della sua gloria. Nel linguaggio cultuale cristiano “mistero” non è sinonimo di segreto, ma fa riferimento all’insondabile disegno divino di salvezza che ci è stato rivelato nella vita di Gesù, soprattutto nella sua morte e risurrezione (cfr. Ef 1, 3-14). È con questo ampio significato che oggi viene pronunciato nel cuore della preghiera eucaristica e non semplicemente in riferimento alla presenza eucaristica. Ciò risulta chiaro dall’acclamazione dell’assemblea. D’altra parte «Mistero della fede» è presente nel rito romano insieme alle parole della consacrazione fin dal VII secolo.

I vostri commenti
17
scrivi

Stai visualizzando  dei 17 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo