logo san paolo
martedì 16 gennaio 2018
 
Il Teologo
 

Ma Gesù era veramente solo nel deserto?

02/01/2018 

CARMELO - Gli evangelisti ci descrivono le tentazioni di Gesù nel deserto. Dobbiamo allora ritenere che fosse accompagnato da alcuni discepoli?

Tutti e tre i Vangeli sinottici riportano l’episodio di Gesù che affronta il tentatore nel deserto: Marco non ci dice quali siano state le tentazioni (Mc 1,12-13), Matteo e Luca invece ne descrivono tre (le stesse, solo che in Luca la seconda e la terza sono invertite): le pietre da trasformare in pane, il gettarsi giù dal pinnacolo e l’adorare il diavolo (cfr. Mt 4,1-11; Lc 4,1-13). Gli evangelisti narrano che Gesù va da solo nel deserto, perciò non c’era con lui nessun altro che possa aver assistito alla scena e averla raccontata; d’altra parte la chiamata dei discepoli alla sequela avviene solo dopo questo episodio. Ciò non toglie che Gesù possa aver raccontato loro quest’evento che aveva segnato l’inizio della sua attività pubblica; d’altronde era un prezioso insegnamento su come affrontare le tentazioni. In questo modo può essere stata tramandata tale memoria fino a essere messa per iscritto dagli evangelisti.

Catechismo della Chiesa cattolica. Edizione speciale con nuovi commenti

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo