logo san paolo
sabato 24 giugno 2017
 
La scelta di un parroco di Venezia
 

Mancano i fedeli: Messa solo su prenotazione

18/04/2017  Don Mario Sgorlon, parroco di Sant'Erasmo a Venezia, decide, in accordo con la comunità delle Vignole, 40 residenti nella piccola isola della laguna, di sospendere la celebrazione eucaristica che andava quasi deserta, per celebrarla "a chiamata". Secolarizzazione, cattolici praticanti sempre più tiepidi, oppure solo un problema legato allo spopolamento di Venezia e delle isole minori?

“La messa è sospesa per mancanza di fedeli. Don  Mario è disponibile su richiesta”, sta scritto sul  cartello affisso alla porta della chiesetta. Segue il numero telefonico del sacerdote. Così  alle Vignole, verde isoletta di neanche mezzo chilometro quadrato di fronte al Lido, nella laguna di Venezia, la messa si fa su prenotazione. Chi vuole celebrare l’Eucaristia chiama il parroco e si accorda con lui per la funzione. Scelta  necessaria o provocazione?

“E’ un’iniziativa concordata da tempo con i pochi parrocchiani che vivono ancora sull’isola”, ha detto don Sgorlon, parroco dal 1998 di Sant’Erasmo, comunità a cui fanno parte anche le Vignole, con la chiesetta dedicata a Sant’Eurosia Vergine. In effetti sull’isola abitano solo una quarantina di residenti, per la gran parte anziani, mentre, solo 20 anni  fa, erano il doppio.  Anche qui come, nel resto del Centro storico veneziano,  lo spopolamento ha presentato il conto e una delle conseguenze dell’abbandono della città è la “riduzione” inesorabile dei servizi, anche di culto.  Soprattutto d’inverno, ha spiegato il parroco,  i fedeli che seguono la liturgia domenicale si riducono,  a volte, solo a due-tre presenze. Alcuni restano in casa per il freddo e la paura d’ammalarsi, altri preferiscono andare a messa nella vicina isola di Murano.

Più che di secolarizzazione, sembrerebbe, quindi, un problema legato all’inarrestabile spopolamento di Venezia e delle sue isole minori. In questo caso, a rinfoltire il numero dell’assemblea non ci sono neanche i turisti, che invece affollano di domenica le chiese di altre isole della laguna: quella delle Vignole non ha attrattive turistiche spiccate come ce l’hanno invece Torcello, Murano o Burano. E’ famosa solo ai veneziani per una rinomata trattoria che vi sorge al centro. Da qui la decisione di sospendere il servizio liturgico regolare e avviare quello su richiesta. Durante la Quaresima, comunque, nella chiesetta di Sant’Eurosia s’è celebrata la messa alle Palme e quella della solennità della Pasqua.

A  intervenire sullo stato di utilizzo e sulla conservazione dei luoghi di culto nel Centro storico era stato proprio il Patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia, incontrando il 5 aprile scorso i Comitati privati per la salvaguardia del Centro storico. In quell’occasione il vescovo ha fatto riferimento a una necessaria, prossima “razionalizzazione” delle chiese aperte a scopo pastorale e liturgico.  Oggi troppe, evidentemente, per pochi fedeli. “E’ importante ricordare che, a Venezia, vi sono problemi conservativi urgenti che riguardano molte chiese e che il loro numero (un centinaio in città e oltre 200 nell’intera Diocesi) richiede di riflettere su una razionalizzazione del loro ruolo liturgico e pastorale, spesso anche a fronte dell’innegabile flessione demografica (specialmente del centro storico)”, ha affermato Moraglia. “Sarà quindi necessario individuare gli edifici che, effettivamente, non rispondono più a specifici bisogni pastorali ed è compito della Chiesa locale individuare soluzioni e proposte per rendere “utili” – ad esempio in ambito culturale e caritativo – alla stessa collettività quei luoghi, senza far perdere mai la loro dimensione simbolica in nome di un funzionalismo o “polivalenza” che non solo li impoverisce ma addirittura li snatura”. 

 

 

 

I vostri commenti
38
scrivi

Stai visualizzando  dei 38 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo