logo san paolo
lunedì 19 febbraio 2018
 
dossier
 
Credere

«Mamma, che faccio? Ho mangiato il salame nel venerdì di digiuno!»

28/03/2017  Come spiegare il digiuno della Quaresima ai bambini? E se c'è stata... qualche distrazione? Il nostro dialogo immaginario dalla Rubrica "I Figli ci chiedono" di Credere: «Se senti di avere offeso Gesù, chiedigli scusa, proprio come faresti con il tuo migliore amico»

«Venerdì sono andato a una festa di compleanno. C’erano tante cose buone da mangiare. Ho iniziato dai panini al salame e ho terminato con la torta al cioccolato. Tornato a casa, mi sono ricordato che era Quaresima e che non avrei dovuto mangiare quelle cose. Devo andare a confessarmi?»

Se senti dentro di te la necessità di chiedere scusa al Signore, va’ subito e non starci neanche a pensare troppo. L’amicizia con Gesù è la cosa più importante e va coltivata con impegno. Anche al tuo migliore amico chiederesti scusa una volta in più, se hai il dubbio che possa essersi offeso a causa tua. Poi magari vi fareste due sane risate di sollievo, scoprendo che non è vero.

«Però io ho sbagliato a mangiare il salame in un venerdì di Quaresima...»

La Chiesa propone il digiuno in particolare in due giornate: il Mercoledì delle ceneri e il Venerdì santo. Nei venerdì di Quaresima (in realtà anche negli altri venerdì dell’anno, a meno che non ci siano delle feste particolari, tipo il Natale) è prevista l’astinenza, che in pratica significa non mangiare carne.

Non dimentichiamo, però, che queste prescrizioni hanno valore se ci spingono fuori dal cerchio del nostro egoismo e ci invitano al cambiamento, facendoci accorgere delle necessità del fratello. A che serve digiunare se in altri ambiti continuiamo a compiere ingiustizie? Il sacrificio di rinunciare alla carne diventerebbe un fatto esteriore e non muoverebbe nulla dentro di noi.

Pensi che Dio sia più interessato a come ci comportiamo col cibo o con le persone? Leggiamo nel libro del profeta Isaia: «Forse questo vorresti chiamare digiuno e giorno gradito al Signore? Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi? Non consiste forse nel dividere il pane con l’affamato, nell’introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza trascurare i tuoi parenti?».

La Chiesa ci invita a rinunciare a qualcosa che ci piace per ricordarci che è bello pensare agli altri, soprattutto a chi non ce la fa a comprarsi un cibo buono, un vestito elegante, una casa riscaldata. Se il digiuno ti ricorda di soccorrere chi ha fame, chi ha sete, chi ha freddo, chi è solo e malato, allora ha un grande valore, altrimenti è solo un gesto per fare il bucato alla coscienza.

«Cosa dovrei fare allora?»

Voglio dirti un’ultima cosa prima di risponderti. Una volta mangiare carne era un lusso da ricchi. Oggi invece la carne ci esce dagli occhi, non mangiarla non è più un gran sacrificio, soprattutto se poi maciniamo chilometri per andare a mangiare del pesce prelibato in un ristorante da tre stelle Michelin.

Gesù ha fatto piazza pulita dell’ipocrisia, mettendo a nudo le intenzioni di tanti gesti. Quindi, quello che puoi fare è metterti davanti a lui e chiedergli di illuminarti per capire dove sbagli e in quale aspetto della tua vita c’è bisogno di una bella pulitina.

Digiuna dai cattivi pensieri, dalle brutte parole, dalla noia, dal menefreghismo… Sta’ lontano dal male e compi il bene, e allora, come dice ancora il profeta Isaia, «la tua luce sorgerà come l’aurora, la tua ferita si rimarginerà presto. Davanti a te camminerà la tua giustizia, la gloria del Signore ti seguirà».

Disegno di Giulio Peranzoni

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo