logo san paolo
martedì 20 novembre 2018
 
dossier
 

Marcia indietro del Pakistan: Asia Bibi resta in cella

03/11/2018  Il Governo cede alle pressioni degli estremisti islamici. La donna, assolta nei giorni scorsi dal reato di blasfemia, resta in carcere e la sentenza sarà sottoposta a revisione. Intanto il suo legale, che teme per la vita, lascia il Paese.

Marcia indietro del Pakistan su Asia Bibi. La donna, assolta nei giorni scorsi dall’accusa di blasfemia non potrà lasciare il Paese. Non solo, la stessa sentenza della Corte Suprema potrà  essere rivista come chiesto da una petizione lanciata nei giorni scorsi.

Dopo le feroci proteste dei giorni scorsi nelle strade di Islamabad orchestrate da estremisti musulmani il Governo ha ceduto decidendo che la donna, madre di cinque figli, non potrà lasciare il Paese finché la sentenza non sarà riesaminata. Nel frattempo il suo avvocato, Saif-ul-Mulook, minacciato di morte, ha lasciato il Pakistan perché lasciato le autorità non gli hanno concesso alcuna protezione. Ha dichiarato, però, che continuerà a seguire Asia da lontano. «Nello scenario attuale, non è possibile per me vivere in Pakistan», ha spiegato «devo però restare vivo perché  devo continuare la battaglia legale per Asia Bibi». E, sebbene anche la sua famiglia sia minacciata, ha assicurato che tornerà in Pakistan per difendere la sua cliente se l’esercito gli garantirà sicurezza. Per l’avvocato la decisione del Governo non è stata una sorpresa anche se l’ha definita doloroa. Il Governo, ha commentato, «non è stato nemmeno in grado di fare rispettare una sentenza  della più alta corte del Paese».

Multimedia
Il Papa all'udienza con gli sbandieratori di Arezzo, poi l'incontro con i familiari di Asia Bibi
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo