logo san paolo
lunedì 18 marzo 2019
 
DIBATTO SULLA LEGALIZZAZIONE
 

Cannabis, don Mazzi: un disegno di legge sulla pelle dei ragazzi

25/07/2016  «Il testo arrivato in Parlamento», scrive don Antonio Mazzi, fondatore della Comunità Exodus e da sempre in prima linea contro le droghe, «è un modo per lo Stato di battere cassa sfruttando le fragilità dei propri cittadini, in particolare dei giovani che avrebbero bisogno di più ascolto, lavoro, divertimento sano»

(foto Reuters)

Il disegno di legge sulla legalizzazione della cannabis arrivato in Parlamento si fonda sulla ammissione di una resa da parte dello Stato. Come un genitore davanti al figlio che comincia a prendere una brutta piega: invece che rafforzare il rapporto con lui si arrende e lo lascia un po' alla sua deriva "è una guerra persa, faccia come crede!". Poi ci dicono che addirittura, facendo così, lo Stato ci guadagnerebbe e toglierebbe risorse alla criminalità. Su questo secondo punto ci ha già pensato un esperto del calibro di Gratteri, che di criminalità organizzata se ne intende meglio dei nostri parlamentari, a smontare questa pia illusione.

Anche poi sul primo aspetto fondante della proposta, la ragione della convenienza economica, vi sono molti pareri di validi economisti che dimostrano quanto sia infondata questa ipotesi. Ma per noi il punto centrale resta quello educativo sul quale, ovviamente, nella presentazione di questo disegno di legge non si fa menzione alcuna, non c'è nessuna valutazione dell'effetto che un simile provvedimento potrebbe avere sui ragazzi. Visto che la droga fa male - e questo è un dato oggettivo che include la cannabis -, quanto male farà lo Stato ai suoi giovani offrendo loro lo sballo "legale"?

Siamo contrari a questo disegno di legge perché, al di là di tutte le considerazioni possibili, è fatto sulla pelle dei ragazzi, in particolare di quelli più fragili, che richiederebbero più ascolto, lavoro, sano divertimento, università, opportunità di costruirsi un futuro. La cannabis è un capriccio: accettare questo tipo di approccio da parte dello Stato sarebbe tremendo. Lo Stato che sfrutta la debolezza dei propri cittadini per fare cassa. Così come già avviene oggi per il gioco d’azzardo!  

I vostri commenti
33
scrivi

Stai visualizzando  dei 33 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo