logo san paolo
martedì 22 ottobre 2019
 
 

Mediterraneo, un mare di sfide

04/09/2012  Culla della storia, terra di "primavere" mai compiute, periferia dell'Europa, base dell'immigrazione: il festival "Con-vivere" indaga presente e futuro del "mare nostrum".

Un incontro a Carrara nell'ambito del festival "Con-vivere".
Un incontro a Carrara nell'ambito del festival "Con-vivere".

Chiunque affronti il tema della convivenza non può non incontrare sul suo cammino quell'area geografico-culturale che indichiamo con il nome Mediterraneo. Era dunque fatale che il festival "Con-vivere" di Carrara lo scegliesse prima o poi come filo conduttore degli incontri e dei dibattiti. Così è accaduto proprio quest'anno: ed ecco che, dal 7 al 9 settembre, relatori di prestigio si confronteranno sul tema, affascinante e complesso, "Mediterraneo. Popoli e culture".

Che cos'è il Mediterraneo? Un luogo dove regna sovrana la contaminazione. Per effetto diretto della geografia, essendo l'unico luogo al mondo su cui si affacciano tre Continenti. E come conseguenza di una storia di scambi - ora pacifici, ora conflittuali - di natura economica, commerciale, culturale, demografica. Un paesaggio di 450 milioni di persone (oggi) che, nel corso della storia, hanno dato vita ai fenomeni più disparati. Uno stagno attorno al quale si sfiorano e scontrano i popoli come rane, secondo l'immagine platonica rievocata da Remo Bodei, fra le menti del festival.

E non si pensi che sia una vicenda che riguarda solo il passato, quella del Mediterraneo. Basti pensare alle cosiddette "Primavere arabe", quelle scosse sempre incompiute che hanno attraversato tanti Paesi del Nord Africa, con esiti spesso contradittori e ambivalenti (il nostro concetto di democrazia vale anche per loro? non si è, paradossalmente, aperta la strada agli estremisti islamici?). Se poi guardiamo al Mediterraneo volgendo lo sguardo dalla costa africana a quella europea, scopriamo che Italia, Spagna, Grecia sono quasi una periferia mal sopportata dell'Unione...

La locandina che annuncia il festival "Con-vivere" a Carrara.
La locandina che annuncia il festival "Con-vivere" a Carrara.

Ancora, il Mediterraneo è il bacino dell'immigrazione, tragicamente solcato dai sogni di tanti disperati (su questo aspetto fondamentale, si veda la pagina successiva del dossier). Dedicare un festival al Mediterraneo significa quindi collocarsi del cuore della storia, per cercare di capire il presente e immaginare il futuro.

A Carrara arriveranno esperti italiani e stranieri che lo scandaglieranno in tutti i suoi aspetti. Qualche nome: Farid Adly, scrittore e giornalista libanese residente in Italia; Leena Ben Mhenni, blogger e attivista della Primavera araba; Khaled Fouad Allam, docente di Sociologia del mondo musulmano all'Università di Trieste; Fabio Mini, esperto di strategie militari; l'ex ambasciatore ed esperto di esteri Sergio Romano...

Come in ogni festival che si rispetti, ai momenti di approfondimento si alterneranno occasioni di divertimento e conviviali, con mostre, concerti ecc.

Tutto il programma e le informazioni pratiche per raggiungere Carrara e per l'ospitalità sono disponibili sul sito: www.con-vivere.it.

Amara Lakhous
Amara Lakhous

Fra gli ospiti di "Con-vivere" figura Amara Lakhous, scrittore e giornalista algerino. Dopo la fuga dal suo Paese, si è stabilito  a Roma, dove vive e lavora. I suoi romanzi offrono una riflessione sul tema dell’identità, non come uno spazio chiuso, ma un progetto aperto; un invito a spostarsi dal centro (luogo di esclusione) alle periferie (spazi di incontro e di inclusione). Si definisce uno scrittore arabofono e italofono. Per gentile concessione del festival, pubblichiamo parte della relazione che terrà a Carrara sabato 8 settembre alle 15.30 sul tema "Gli arabi in Italia. Riconciliare gli italiani con la loro memoria".

Nell’estate del 2006 sono andato a Grotte in Sicilia per ritirare un premio letterario, fondato da Leonardo Sciascia nel 1980,
e a presiedere la giuria era il grande scrittore Vincenzo Consolo, scomparso qualche mese fa. La sera prima della premiazione, il sindaco di Raccalmuto mi ha accompagnato a fare una passeggiata nel paese natale di Sciascia. Ad un certo punto, si è girato verso di me dicendo: - “Sai che il nome di Sciascia è arabo?”. - “Si, lo so e vuol dire copricapo”. - “Anche Raccalmuto è di origine araba”. - “Davvero?”. - “Raccalmuto deriva dalle due parole arabe Rahal-Maut, villaggio morto”. Sono rimasto piacevolmente sorpreso. Prima dell’arrivo degli arabi, la Sicilia era un insieme di villaggi morti. V'è stata una vasta operazione di civilizzazione e di modernizzazione grazie all’introduzione delle tecniche dell’agricoltura e della pesca. Oggi è giusto affermare che gli arabi non vengono in Italia, ma ci tornano. Non sono una minaccia ma una risorsa per rafforzare il dialogo tra le civiltà e riconciliare gli italiani con la loro memoria.

Un gommone carico di immigrati in arrivo a Lampedusa (foto Ansa).
Un gommone carico di immigrati in arrivo a Lampedusa (foto Ansa).

È necessario ricordare che gli italiani tendono a dimenticare il loro passato di immigrati all’estero o di emigrati nelle città del Nord Italia. Ad esempio, sono pochi gli intellettuali italiani coraggiosi che ricordano le difficoltà di integrazione dei meridionali nel passato recente. Gli immigrati arabi in Italia sono per lo più musulmani e provengono dal Nord Africa (Marocco, Algeria, Tunisia ed Egitto). Appartengo alla prima generazione di immigrati, un dato estremamente importante perché vivono fra due mondi, fra due rive. Sono loro che portano il peso dell’immigrazione, decidono per l’educazione dei figli, s’impegnano a imparare la lingua e si sforzano di capire il nuovo contesto. Insomma pagano i costi dell’integrazione. Inoltre, rappresentano un blocco omogeneo sia sul piano linguistico sia sul piano religioso (...).

In pochi anni, l’Italia ha vissuto una trasformazione fondamentale da paese che ‘esporta’ immigrati a paese che "importa" la manodopera straniera. Gli studiosi del fenomeno migratorio italiano considerano i tunisini i primi immigrati a venire in Italia per motivi di lavoro, quindi ben prima dell’arrivo delle donne filippine e capoverdiane,chiamate a svolgere mansioni di lavoro domestico. Il primo flusso dei lavoratori tunisini risale alla metà degli anni Sessanta. La destinazione era soprattutto Mazara del Vallo in Sicila per soddisfare le richieste di manodopera nel settore della marineria e della pesca.

Il rapporto che gli arabi hanno con l’Italia non è strettamente legato al fenomeno dell’immigrazione recente, ma risale alla conquista araba della Sicilia, durata più due secoli. «La cultura araba – spiega lo scrittore Vincenzo Consolo – ha lasciato nell'isola un'impronta tale che dal suo innestarsi nell'isola si può dire che comincia la storia siciliana». «Indubbiamente gli abitanti dell'isola cominciano a comportarsi da siciliani dopo la conquista araba», dice Sciascia.

Protesta di emigrati in Spagna contro le restrizioni all'assistenza sanitaria (foro Reuters).
Protesta di emigrati in Spagna contro le restrizioni all'assistenza sanitaria (foro Reuters).

«La cultura araba ha inciso nell'isola soprattutto in quella parte occidentale che ha per vertici Mazara e Palermo», scrive ancora Consolo. «I segni arabi sono durati in quella parte per un millennio e più, nel carattere della gente, nelle fisionomie, nei costumi, nell'architettura, nella lingua, nella letteratura» (Consolo, Di qua dal faro).

Lo scambio tra la Sicilia e il Nord Africa è continuato nel corso dei secoli grazie soprattutto agli immigrati italiani.
Sarebbe utile ricordare che l’emigrazione siciliana nel Nord Africa, in particolare in Tunisia, era iniziata a partire dal 1835. Infatti si è verificato un sostanziale spostamento di alcuni gruppi di tonnaroti e di corallari, soprattutto trapanesi, in diverse località costiere tunisine e algerine. La presenza italiana in Tunisia a partire dagli Settanta dell’Ottocento era stimata fino a 25 mila. Nel censimento del 1926, su una popolazione europea residente in Tunisia di 173.281 abitanti, figuravano 89.216 italiani, 71.020 francesi, 8.396 maltesi.

Anche il flusso degli italiani in Egitto inizia a metà dell’Ottocento.
La destinazione preferita era Alessandria, la città la più cosmopolita del Mediterraneo. Prima della seconda guerra mondiale, la presenza italiana raggiungeva le 70.000 unità. Bisogna ricordare che Nel medioevo erano i genovesi, i veneziani, i napoletani, i calabresi, i siciliani, i sardi, i francesi, i tedeschi a “farsi turchi”, (abbracciando la religione musulmana) per cercare un futuro migliore nel Maghreb. Nei tempi più recenti, è toccato ai tunisini, ai marocchini, agli algerini, agli egiziani “farsi italiani o francesi o spagnoli” per la medesima ragione. (...)

Infine, gli immigrati che vivono in Italia, soprattutto quelli provenienti da paesi arabi,
hanno una grande opportunità di confrontarsi con nuovi modelli culturali. I due primi valori da adottare, senza cedere al relativismo culturale, sono quelli della libertà individuale e della sacralità della vita. Sarebbe un grave errore cercare di difendere a oltranza le proprie radici culturali. L'identità deve essere aperta. Mio padre mi diceva: “Gli alberi hanno le radici per stare immobili, gli uomini hanno le gambe per muoversi, cambiare e migliorare la loro vita”.

Amara Lakhous

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%