logo san paolo
sabato 25 maggio 2019
 
Amore
 

Meno matrimoni? Mogli raccontatene la bellezza

13/11/2015  Secondo l'Istat, calano i matrimoni e aumentano le convivenze in un Paese nemico della famiglia in cui i giovani non si buttano ma i genitori forse non raccontano le bellezze del "per sempre"

Gli italiani non si sposano. Se ancora ce ne fosse bisogno, l’Istat lo conferma nel rapporto su matrimoni, separazioni e divorzi relativo al 2014, anno in cui sono stati celebrati 189.765 matrimoni, 4.300 in meno rispetto al 2013. Quelli che si sposano, poi, “durano” in media 16 anni perché poi si separano. Questa, almeno,  è la durata media delle unioni prima della rittura (quando lui avrà – sempre in media -47 anni e lei 44).
 Ma attenzione: non è che i giovani italiani abbiano una propensione per la solitudine. Semplicemente scelgono la convivenza. Infatti le unioni di fatto sono più che raddoppiate dal 2008 e le convivenze tra giovani che non siano già reduci da un altro matrimonio sono  641mila nel 2013-2014, essendo decuplicate rispetto al 1993-1994. Par di vedere la scena: lui che chiede a lei o lei a lui “Vuoi fare un’unione di fatto con me?” una situazione che non si sarebbe immaginata nemmeno nel meno romantico dei romanzi o dei film. E pensare che invece quel che predomina è proprio il sentimento, l’emozione, il desiderio fisico, gli unici ingredienti celebrati da  una società che dipinge il matrimonio come qualcosa di vecchio, stantio, noioso e soprattutto pesante. Ma evidentemente l’innamoramento non spinge a buttarsi, almeno nei sogni e nei desideri, nel “per sempre”. Meglio cominciare a vivere insieme, magari con la stanzetta in casa dei genitori intatta, pronta a riaccogliere in caso di litigio o frattura. Tanto il cordone ombelicale con la famiglia d’origine rimane spesso annodato dai turni per il cambio della biancheria e la stiratura che, si sa, è sempre stata una dei gradini più faticosi della vita nuova a due. 
Ma troppo facile  sarebbe buttare addosso ai giovani una sorta di egoistico desiderio di sottrarsi alle responsabilità e alle promesse a lungo termine “finche morte non ci separi” (come continuano a fare invece tante coppie che vivono nei  Paesi in  guerra in cui non c'è alcune certezza del futuro) e motivare con questo un calo dei matrimoni che ben altre ragioni trova in un Paese nemico della famiglia e ancor più di coloro che hanno ancora il coraggio di mettere al mondo un figlio. Il problema del lavoro insicuro, della mancanza di equità fiscale per chi si impegna di fronte alla società, della difficile, se non impossibile conciliazione famiglia lavoro sono solo alcune delle cause che vengono alla mente.
 Ma anche tenere in conto solamente le ragioni economiche e sociali sarebbe miope ed impedirebbe di chiedersi, noi genitori, e forse ancor di più noi mamme quale messaggio stiamo mandando ai figli, e forse ancor di più alle figlie, di che cosa sia un matrimonio scelto non solo per innamoramento, ma anche per progetto e anche forse per scommessa, ma comunque abbracciato con la volontà di farlo vivere, mettendone già sul conto le fatiche quotidiane. Ma col la risoluta volontà di raccontarne le grandi bellezze (che sono innumerevoli) invece che seguitare a sottolinearne i sacrifici.

I vostri commenti
13
scrivi

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%