logo san paolo
domenica 19 agosto 2018
 
 

Mediterraneo: si muore ancora

06/01/2018  Otto corpi senza vita recuperati e 84 persone tratte in salvo a largo della Libia dalla nostra Guardia Costiera. "Con il maltempo traversate più a rischio" aveva avvertito nei giorni scorsi la ong Sos Mediterranee. E intanto Frontex rende noti i dati. Lo scorso anno in tutta Eruopa arrivate appena 204.300 persone.

Ancora un naufragio nel mar Mediterraneo, al lago della Libia. Otto cadaveri recuperati, avvisano le autorità italiane. Almeno 25 i morti, secondo l’ong tedesca Sea watch. I migranti in salvo – 84 in tutto - sono tutti stati soccorsi dalla nave Diciotti (nella foto in una delle tante operazioni di salvataggio compiute in questi anni), della nostra Guardia costiera. L’operazione di soccorso è scattata dopo che un aereo in pattugliamento marittimo di Eunavfor Med operazione Sophia aveva avvistato un gommone in difficoltà. Secondo Sea watch a bordo vi erano non meno di 150 persone. All’operazione, coordinata da Roma dalla Centrale operativa della Guardia Costiera, hanno preso parte anche mezzi della Marina militare italiana».

Si tratterebbe del primo naufragio dall’inizio dell’anno. Proprio due giorni fa la ong Sos Mediterranee aveva annunciato che la sua nave Aquarius sarebbe rimasta nel Mediterraneo perché preoccupata del maltempo che rende più pericolose le traversate dei migranti.

Intanto, ieri, l’agenzia Frontex aveva reso noti i dati dei migranti arrivati in Europa attraverso la rotta centro mediterranea. Secondo l’agenzia, in Italia, gli arrivi sono calati del 34 per cento rispetto al 2016 essendo arrivati  119.000 migranti, rispetto ai 181.126 dell'anno scorso. Raddoppiati invece gli ingressi in Spagna con una cifra che però resta molto bassa: 22.900 provenienti dal Nord Africa. In tutta Europa gli arrivi sono stati di 204.300 persone.

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo